Presciutti: “Chiesto un incontro per la rete d’emergenza”

Pubblicità

Sulla polemica sorta in seguito al malore accusato lo scorso 7 marzo da un trentasettenne in un ufficio della città e non soccorso prontamente dal 118 stante l’indisponibilità di mezzi, in seguito a diversi articoli da parte delle opposizioni apparsi sui media, il Sindaco Massimiliano Presciutti ha rilasciato una dichiarazione che riportiamo di seguito.

Prendo atto – ha detto il primo cittadino – che l’imminente campagna elettorale stimoli l’iper esposizione mediatica, ma personalmente sono quotidianamente impegnato a monitorare la situazione da massima autorità sanitaria cittadina per tutelare i cittadini e cercare di rafforzare i servizi sul territorio. Per quanto attiene le polemiche sollevate in questi giorni sulla rete delle emergenze e sugli ultimi fatti accaduti a Gualdo Tadino, tengo a precisare che un’ora dopo lo spiacevole fatto che ha coinvolto il giovane trentasettenne ho inviato a tutte le autorità, tra cui la Presidente della Regione Umbria, il dott. Emilio Duca della ASL Umbria n. 1, il direttore sanitario dott. Giuseppe Legato una comunicazione urgente con la quale chiedo non solo delucidazioni in forma scritta rispetto all’accaduto, ma anche l’avvio di un confronto di merito per quanto riguarda la rete di emergenza nel territorio.
Tutto ciò dimostra l’esatto contrario di quanto affermato da qualcuno in questi giorni. L’Amministrazione Comunale non solo non è stata immobile, ma ha anche intenzione di continuare ad incalzare Regione Umbria e USL sui temi della sanità e dei servizi nel territorio. C’è da chiedersi, semmai, quali sono stati i risultati di lunghi anni di impegni politici-istituzionali dei nostri “illustri” concittadini. Le interrogazioni troveranno risposte perché è un dovere istituzionale, ma auspico, altresì, che venga meno la brutta abitudine di fare polemica a prescindere, arrecando un danno alle strutture e agli operatori del territorio che quotidianamente lavorano con professionalità e passione”.