Museo Rubboli, numero zero

GUALDO TADINO – Il neonato Museo Rubboli ancora in evidenza con un’iniziativa ideata e curata dall’Associazione Culturale Rubboli, in collaborazione con il Polo Museale Città di Gualdo Tadino e la Casa Editrice Aguaplano.

L’evento si chiama “Museo Rubboli numero zero” e si divide in due fasi: sabato 30 maggio a partire dalle 10.30 ecco il convegno “Anatomia di una lettera“, che si svolgerà tra la Sala della Città della Rocca Flea e la sede del museo opificio Rubboli. Nel corso della giornata sarà presa in esame, da vari personaggi, la lettera scritta da Paolo Rubboli nel 1878 al comune di Gualdo Tadino per accompagnare la donazione dei due piatti a lustro lì conservati.

Domenica 31 maggio e lunedì 1 giugno, la seconda iniziativa, “Il Segreto dell’Iride”. Presso le antiche muffole del museo avverrà la cottura a legna con fumo di ginestra ad opera della famiglia Rubboli, seguita dall’apertura del forno e dal lavaggio delle maioliche a lustro il giorno successivo.

“Anatomia di una Lettera” nasce da un’idea di Marinella Caputo e Maurizio Tittarelli Rubboli e deriva da un lavoro piuttosto noto dell’artista francese Sophie Calle, Take care of yourself, presentato al padiglione francese della Biennale di Venezia del 2007. L’artista aveva sottoposto l’email dell’ex partner, che dichiarava la sua intenzione di chiudere la loro relazione, a 107 donne scelte in base alla professione e alla competenza, che l’hanno interpretata in modo originale e creativo, attraverso lettere, video, registrazioni, con una gamma molto estesa di linguaggi visivi e espressivi. Sono state perciò individuate figure significative di studiosi, esperti e artisti che interpreteranno la lettera da vari punti di vista offrendo un contributo interessante e insolito.

Hanno aderito al progetto:
Maria Luciana Buseghin, saggista e antropologa
Alan Caiger-Smith, ceramista
Luigi Caracciolo, docente di Scienza e Tecnica dell’Investigazione
Bruno Ceccobelli, artista
Rosella De Leonibus, psicologa e psicoterapeuta
Erminia Iraca, docente di Storia Moderna
Loris Lino Maria Nadotti, economista
Luca Pesante, archeologo e studioso di ceramica
Giovanni Picuti, avvocato
Mirko Revoyera, cantastorie e autore teatrale

Scarica la locandina di Museo Rubboli #Zero

Articolo precedenteSerata tra le stelle al “Casimiri”
Articolo successivoCerqueto, il sogno è realtà: Promozione
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.