Giochi, ecco cosa cambia

Pubblicità

I Giochi de le Porte, per quanto riguarda la fruibilità del corteo storico da parte del pubblico, cambieranno veste dalla prossima edizione di Settembre. Le Porte di San Donato, San Martino e San Benedetto hanno infatti proposto una modifica che riguarda la partenza del corteo e che ha visto l’approvazione, in sede di voto, dei tre Priori proponenti (assente San Facondino alla votazione) e delle tre commissioni Artistica, Tecnica e Taverne.

Per il corteo storico del sabato, tutte le Porte avranno accesso in piazza Martiri partendo, secondo l’ordine di classifica dei Giochi dell’anno precedente, dai Giardini Pubblici dell’area ex Ospedale Calai. I cortei, prima dell’ingresso nell’Arengo Maggiore (piazza Martiri), dovranno percorrere obbligatoriamente il seguente percorso: Largo di Porta Romana – via Franco Storelli – tratto Corso Italia fino a bivio via Roberto Calai – via Roberto Calai – via Bersaglieri – piazza Mazzini – Corso Piave – Corso Italia. Il Corteo partirà alle ore 21.00.
Per ogni Porta è previsto un tempo massimo di 20 minuti per completare l’ingresso in piazza, prendendo come riferimento l’arrivo dello Stendardo della Porta all’altezza del palco dei banditori ufficiale. Tra il corteo di una Porta e quella successive non dovrà esserci un lasso temporale maggiore di 5 minuti. Dopo la lettura dei bandi il Corteo Storico lascerà l’Arengo Maggiore, sempre seguendo l’ordine di entrata, percorrendo il seguente percorso cittadino: piazza Martiri, Corso Italia, via Franco Storelli, Largo Porta Romana.

Il venerdì è invece confermato l’ingresso dai propri territori da parte dei Cortei dei Tavernieri, ma viene spostata in questa giornata la cerimonia della consegna delle chiavi della Città e il saluto del Sindaco. Per quanto riguarda gli eventi pomeridiani del sabato, le prove con arco e fionda vengono prolungate fino alle 17.45 con inizio alle ore 14.00. I giocolieri di ogni Porta avranno a disposizione 55 minuti e non più 40. Alle 18.00 ecco il Palio della Balestra città di Gualdo Tadino, con premiazione da parte del Gonfaloniere e del Presidente dell’Ente Giochi alle ore 19.30.

Le Porte che hanno proposto la modifica ne hanno evidenziato il carattere sperimentale, dichiarando che alla fine dell’edizione 2015 del Palio di San Michele Arcangelo si farà un bilancio delle modifiche approvate.