Presciutti: “Calai, entro settembre approvato il Piano”

GUALDO TADINO – Il sindaco Presciutti, attraverso una nota stampa ha voluto fare il punto della situazione sulla questione del piano di valorizzazione dell’area dell’ex ospedale Calai.

“Sono passati ormai dieci anni dal primo protocollo d’intesa dell’area Ex Calai. Un decennio di promesse e annunci che non hanno portato a nulla. L’Amministrazione da me guidata – ha detto il primo cittadino – ha così subito provveduto ad affrontare concretamente la delicata situazione. Lavorando quotidianamente, anche in questo caso, a stretto contatto con le strutture della Regione, l’Assessorato alla Sanità e l’ASL siamo arrivati ad un Piano complessivo di Valorizzazione dell’intera area dell’ex ospedale, che nel prossimo mese di settembre sarà approvato definitivamente dalla Giunta Regionale, grazie al costante rapporto con l’Assessore Regionale Barberini, che si è fatto da subito carico della questione. Finalmente dopo dieci anni di parole al vento, un Piano di Valorizzazione e Riqualificazione completo di un’importante zona del centro storico diventerà realtà. Il tutto attraverso un investimento a totale carico di Regione e Asl che supererà i 3 milioni di euro, senza 1 centesimo di aggravio per le tasche dei gualdesi. Un’area fondamentale per Gualdo Tadino, sarà quindi riconsegnata ai cittadini in modo più bello, funzionale e con servizi socio sanitari assistenziali di prim’ordine.”

“Arrivati a questo punto – conclude Presciutti – non ci faremo di certo impantanare in una palude fatta di propaganda e falsità. Noi il Calai lo riapriremo veramente, riconsegnandolo ai gualdesi contestualmente al recupero completo dell’intera zona circostante, che tornerà ad essere cuore pulsante del centro storico e patrimonio dell’intera collettività. Anche in questo caso alle parole preferiamo agire con i fatti”.

Articolo precedenteA tu per tu col ladro!
Articolo successivoIl Cerqueto inizia la preparazione
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.