Pasquarelli durissimo: “La burocrazia ostacola la buona politica”

Pubblicità

GUALDO TADINO – Arriva una dura presa di posizione del Presidente del Consiglio Comunale Fabio Pasquarelli che si sente in dovere di sottolineare e spiegare ai cittadini le ragioni di alcuni ritardi nella realizzazione di importanti progetti urbanistici nella città.

Riflettori accesi sul rifacimento del Ponte della Vaccara che andrebbe a sistemare e a riaprire una strada di cruciale importanza per gli abitanti delle frazioni di Vaccara e Palazzo Mancinelli e si vedrebbe, finalmente, sanata, una situazione complessa che si protrae da anni.

Si legge dalla nota di Pasquarelli: “Perdura il disagio dei cittadini gualdesi ed in particolare di quelli di Vaccara e Palazzo Mancinelli a causa della lunga ed ormai ingiustificata persistenza della interruzione della Via ” Rio Vaccara”, chiusura determinata dalla instabilità strutturale del ponte ivi presente. Consapevole del grave disagio che ne sarebbe derivato, l’Amministrazione ha da subito fatto la scelta politica di ricostruire il ponte in causa, destinando la considerevole cifra di centomila euro, impegnandosi altresì ad un ripristino della viabilità ed alla effettuazioni dei lavori in tempi brevi; scelta doverosa, senza dubbio, ma comunque vissuta con grande impegno e serietà.” Spiega il Presidente del Consiglio Pasquarelli e incalza  “Ad oggi, dopo sei mesi, anche per noi “addetti ai lavori”, è difficile stabilire con certezza i tempi di esecuzione di tale opera. Condivisa da subito la scelta politica, rimaniamo perplessi su lungaggini burocratiche senza le quali avremmo potuto avere tempi ed esiti diversi. Noi siamo rispettosi dei contenuti della legge “Bassanini”, della diversificazione e del rispetto dei ruoli, ma i ruoli, qualunque essi siano, vanno onorati; le scelte politiche i progetti che ne derivano e che hanno per fine soltanto gli interessi dei cittadini e della città, non possono naufragare per inadeguatezza degli Uffici e relativi funzionari”.

Entrando nello specifico il Presidente del Consiglio illustra una cronistoria dei fatti, dal febbraio 2015 ad oggi:

Per chiarezza, proponiamo un breve excursus di come sono andate le cose:

chiusura viabilità il 24 febbraio 2015
nomina RUP 27 aprile 2015
approvazione studio di fattibilità il 5 maggio 2015
inizio procedura affidamento incarico di progettazione 3 giugno 2015
affidamento incarico progettazione 8 luglio 2015
consegna progetto definitivo 6 agosto 2015

Non possiamo non notare una rarefazione delle date, una dilatazione dei tempi, non certo sintomo di solerzia. Ad oggi siamo in attesa che i vari Enti preposti, esprimano i loro pareri che a quanto ci risulta non sembrano imminenti; se consideriamo i tempi, spesso lunghi, dell’appaltare definitivamente l’opera ed i necessari tempi di esecuzione dei lavori, è facile prevedere il permanere di questo stato di disagio ancora per lungo tempo.

Decise le dichiarazioni di Pasquarelli che allarga anche su altri fronti “caldi”: i giardini pubblici e il teatro Talia, entrambi oggetto degli stessi ritardi burocratici. “Gualdo Tadino ha la impellente necessità certamente di politici bravi, ma ancora di più di uffici e funzionari all’altezza dei compiti – conclude il presidente del Consiglio Comunale – che favoriscano ogni azione che vada a beneficio della gente, senza nessun ingiustificato ritardo. Noi comunque daremo come sempre il nostro contributo nel risolvere le varie problematiche, comprendendo sino in fondo il disagio reale dei nostri concittadini. La promessa di riavere una completa fruibilità dei luoghi per la ricorrenza dei Defunti, vista la presenza nel luogo interessato del cimitero, ci sembra improbabile da mantenere e questo non fa che rafforzare il nostro rammarico.”

Articolo precedenteDomenica è il giorno del Convivio Epulonis
Articolo successivoPerugia-Ancona, sarà la volta buona?
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.