Venerdì il Gran Galà dell’imprenditoria

la kermesse si svolgerà nella chiesa monumentale San Francesco

Giunto alla quinta edizione torna, venerdì 18 settembre alle 21, “Un’Impresa ad Arte”, il Gran galà dell’imprenditoria italiana.

Promossa dal museo regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”, con il patrocinio del Comune di Gualdo Tadino e del Consiglio regionale dell’Umbria, la kermesse quest’anno si svolge nella chiesa monumentale di San Francesco, che sta ospitando la mostra “I Pittori dal cuore sacro”, a cura del noto critico Vittorio Sgarbi.

Saranno presenti all’iniziativa – ideata dalla direttrice del Polo museale cittadino Catia Monacelli, in collaborazione di Sole 24Ore– Formazione ed Eventi – noti marchi dell’imprenditoria italiana per ricevere il premio all’eccellenza.

Con questa premiazione si intendono esaltare quelle aziende che nel corso della loro storia produttiva hanno valorizzato l’artigianato di qualità, la produzione interamente made in Italy e contribuito alla salvaguardia del patrimonio culturale italiano.

La manifestazione sarà condotta dalla giornalista del tg3 Rai Roberta Serdoz e, novità assoluta di questa edizione, verranno assegnati alcuni premi alla carriera a note personalità del mondo della cultura e dell’imprenditoria.

<<Tra gli ospiti della serata – dice il sindaco Presciutti – sarò lieto di accogliere le prime cittadine di Arcore, Rosalba Colombo, che sarà accompagnata da una nota impresa del suo territorio e di Lucignano, Roberta Casini, la cui città è stata chiamata, insieme a Gualdo Tadino, per rappresentare nel “Tesoro d’Italia” con l’Albero della vita di Lucignano, uno dei simboli di Expo 2015>>.

Durante la serata si svolgerà anche un’asta d’arte di beneficenza, curata dall’esperto Luca Lispi, il cui ricavato andrà a sostenere il riallestimento di una sezione del museo dell’Emigrazione.

 

Articolo precedenteGualdo Tadino e Shanghai ancora più vicine
Articolo successivoAmbiente, il Wwf incalza la Giunta
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.