Giochi, il trionfo di Porta San Donato

Un’edizione straordinaria dal punto di vista dell’afflusso di persone non poteva che concludersi con quattro gare serrate e avvincenti, che hanno fatto salire l’adrenalina per il testa a testa tra le due Porte più blasonate, San Donato e San Facondino. Ad aggiudicarsi il Palio 2015 alla fine è stata Porta San Donato grazie all’infallibilità dei propri tiratori e a due secondi posti con il somaro. La classifica finale ha visto al terzo posto Porta San Benedetto e a chiudere San Martino. Lo stesso ordine dell’edizione 2014.

La giornata era iniziata con l’assegnazione del premio al miglior corteo storico, appannaggio per l’ennesima volta di Porta San Facondino, seguita da Porta San Donato, San Martino e San Benedetto.

Nel pomeriggio, poi, il momento più atteso, quello delle gare per la conquista del Palio di San Michele Arcangelo, disegnato quest’anno dall’artista Marta Czok. Nella corsa a carretto ha esordito Porta San Benedetto che, con il somaro Alberto condotto da Federico Fioriti e Giacomo Pascolini, ha ottenuto il tempo di 2’03”. È stata poi la volta di San Facondino con Indio, condotto da Mattia Biagioli e Simone di Loreto, che ha impiegato 1’57”; San Donato con Sentenza, portato da Mirko Giustinucci e Simone Collarini, ha girato l’anello di gara in 1’59”; male invece San Martino con l’esordiente Grigio guidato da Paolo Micheletti e Damiano Rossi, che ha impiegato 2’22”.

Nel tiro con la fionda successo di Alessandro Lilli di San Donato che, dopo aver centrato 5 piatti su 5, ha battuto allo spareggio Andrea Ciavaglia di Porta San Benedetto, anch’egli autore di un en plein. Terzo posto per Omar Nardi di San Facondino con un 4 su 5, a chiudere Sergio Sabbatini di San Martino con 2 piatti centrati.

Altro successo dei giallobianchi del priore Roberto Cambiotti nella gara di tiro con l’arco con Marco Nati che ha ottenuto 38 punti. A seguire San Facondino con Luca Castagnoli autore di 33 punti, gli stessi di Fabrizio Sarnari di San Martino poi battuto allo spareggio dall’arciere gialloverde. Daniele Astolfi  di San Benedetto con  29 punti ha chiuso al quarto  posto.

Si è quindi arrivati con un sostanziale testa a testa tra San Donato e San Facondino all’ultima gara, la più spettacolare: la corsa a pelo. Il somaro Indio ha confermato la sua supremazia vincendo anche la seconda competizione, ma Sentenza di San Donato è giunto alle sue spalle, piazzamento sufficiente per arrivare alla conquista del Palio e per fare festa grande in piazza bruciando l’effige della Bastola, chiudendo così una grandissima edizione dei Giochi de le Porte.

Articolo precedenteGualdo Casacastalda, terzo ko e ultimo posto
Articolo successivoFossato, rubano gratta e vinci: arrestati
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.