Caritas, nasce un laboratorio sartoriale

Una delle storie a lieto fine resa possibile grazie a Caritas italiana. Dopo un anno dall’apertura del progetto in rosa “Punti e Spunti”, grazie al quale alcune donne hanno imparato l’arte del cucito, sabato 10 ottobre alle 17 apre le porte al pubblico un laboratorio di riparazioni sartoriali ed altro.

Un nuovo mestiere che ha cambiato la vita di Naoual, tunisina di origine giunta in Italia nel 2008 per raggiungere suo marito e che, nonostante sia laureata in economia internazionale con specializzazione in logistica del trasporto internazionale, ha vissuto per anni come casalinga. Questa è una delle storie a lieto fine resa possibile grazie a questa iniziativa della Caritas diocesana in collaborazione con il CVS di Gualdo Tadino finanziata da Caritas italiana con i fondi dell’8 per mille.

Il laboratorio sarà gestito dalla cooperativa sociale “Con Francesco”. La cerimonia di inaugurazione avrà luogo in viale don Bosco n. 6 a Gualdo Tadino. Parteciperanno all’evento monsignor Domenico Sorrentino vescovo di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino e don Andrea La Regina in rappresentanza di Caritas italiana. L’evento organizzato dalla Caritas diocesana e dalla cooperativa sociale “Con Francesco” si concluderà con un momento conviviale.

Articolo precedenteElisa Ercoli a punti contro gli Usa
Articolo successivoL’ex commissario Grillo viceprefetto a Viterbo
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.