Intervista a Presciutti: “Aperti a proposte su Piazza Mazzini”

Piazza Mazzini da diversi giorni è uno degli argomenti maggiormente trattati in città e nei social network. La notizia di aprire al parcheggio nella piazza ha sollevato molte proteste e anche una raccolta firme contro questa ipotesi.

Sindaco Presciutti, molti gualdesi non approvano l’ipotesi di trasformare piazza Mazzini in un parcheggio. Come mai questa decisione?
“Tengo a precisare che mai abbiamo pensato di realizzare un terzo piano di parcheggio. E’ altresì vero che quella struttura non può più essere lasciata in quelle condizioni. E’ una delle tante opere di Gualdo Tadino che hanno iniziato a presentare problemi poco dopo la loro inaugurazione.”

Perché non è stato imposto alla ditta costruttrice di provvedere alla sistemazione?
“E’ in corso da anni una causa con richiesta risarcitoria ma dagli esiti dubbi, vista la situazione dell’azienda. Da poco tempo il tribunale ci ha dato il nulla osta per poter intervenire.”

Qual è la soluzione?
“Il Comune non ha le risorse economiche per sistemare l’immobile, considerato che la spesa sarà di circa 300 mila euro. Abbiamo pertanto attivato un project financing (il privato sosterrà i costi e gestirà il parcheggio per un tot numero di anni, ndr) per il recupero complessivo dei due piani di parcheggio e per effettuare i lavori sulla piazza, che prevedranno anche la sostituzione della guaina impermeabilizzante e la ripavimentazione. Si è presentata un’azienda locale con un’idea progettuale ed è iniziato l’iter.”

Allora è tutto fatto?
“Assolutamente no. Non esiste nessuna decisione al riguardo ma soltanto una fase di valutazione delle migliori soluzioni. Fino alla fine di novembre c’è tempo per presentare ulteriori progetti e noi siamo aperti ad accogliere proposte e suggerimenti.”

Quindi se entro il 30 novembre non si presenterà nessun altro si farà questo parcheggio?
“Mai ci è balenato in mente di realizzare in piazza Mazzini un parcheggio per cinquanta auto. La piazza verrà ripavimentata e non ci sarà alcuna asfaltatura. L’attuale proposta prevede che una larghissima parte diventi un’oasi verde dedicata alle famiglie e ai bambini. Solo una piccola parte, parliamo di otto-dieci posti auto dinanzi all’edificio, verrebbe adibita a parcheggio, magari da riservare a persone con difficoltà motoria. In occasione di eventi la piazza verrebbe interdetta al parcheggio per essere utilizzata nella sua interezza. Inoltre vorremmo dare la possibilità di ricreare i sei posti di lavoro che c’erano in precedenza, quasi tutti riservati a soggetti svantaggiati.”

Il centro storico invaso dalle auto è sempre stato oggetto di discussione ma mai si è trovata una soluzione definitiva. La ristrutturazione di questo immobile cosa comporterà?
“Il concetto di fondo è: quale idea per il centro storico? L’obiettivo è ricavare lì degli spazi di sosta breve ed eliminare il parcheggio in piazza Martiri, eccetto per un posto o due riservato ai diversamente abili. Questa estate abbiamo avuto la dimostrazione che un centro chiuso alle auto porta dei benefici anche alle attività commerciali. Ovviamente non è nelle nostre intenzioni interdire il transito in piazza Martiri per tutto l’anno, ma arrivare a chiuderlo in determinati giorni e in determinati periodi per dare la possibilità ai turisti e ai gualdesi di poterlo vivere tranquillamente, senza la preoccupazione di dover continuamente schivare i veicoli.”

Articolo precedenteRicci: “Strategica la variante ferroviaria ad alta velocità”
Articolo successivoFAImarathon, grande successo a Gualdo Tadino
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.