Riuscita la prova di evacuazione

Pubblicità

Sono arrivati in trecento (ne occorrevano duecento) i volontari gualdesi, tra cui Croce Rossa, Protezione Civile e i ragazzi del Gruppo Abili Speciali, che sabato scorso hanno contribuito a effettuare un test di evacuazione organizzato dal Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco in collaborazione con il Comune di Gualdo Tadino,  utile a valutare le reazioni della popolazione nell’eventualità di una calamità naturale di qualsiasi tipo. Ai partecipanti è stato  chiesto un comportamento nei test in grado  di simulare quello in occasione di un’evacuazione di massa in caso di una situazione di rischio, ma priva di fattori di stress. Non una corsa, senza correre in nessun momento, ma solo camminare.

L’esercitazione, che è rientrata nell’ambito del progetto europeo AF3 (Advanced Forest Firefighting), è perfettamente riuscita. I partecipanti sono stati divisi per fasce di età (18-30, 31-55, 56-65, over 66), sesso e con cinque famiglie (composte dai genitori e due bambini dell’età compresa tra i 3 e i 10 anni). Sono partiti da piazza Martiri per raggiungere i vari punti di destinazione situati presso l’area dello stadio Carlo Angelo Luzi per una prima raccolta dati. Quindi un nuovo percorso pianeggiante di circa un chilometro e seconda raccolta dati. Quindi la ripartenza alla volta di piazza Martiri, dove si è conclusa l’esercitazione, per la terza rilevazione dei dati, tutti inviati all’Università di Greenwich per l’elaborazione. I percorsi sono stati tutti monitorati da apposite webcam.

Il servizio del Tgr Umbria sull’esercitazione.