Gualdo e Fabriano per lo sviluppo dell’edilizia

I presenti al Tavolo

GUALDO TADINO – Ieri mattina, nella Sala Giunta del municipio di Gualdo Tadino si è svolta la riunione del gruppo di lavoro  sulla “Ricostruzione delle aree colpite dagli eventi sismici del 1997 – Azioni da compiersi ai fini della copertura finanziaria degli interventi di recupero da ultimare o da realizzare” nel territorio di Umbria e Marche.

Il tavolo è stato istituito con  l’obiettivo di arginare la  stringente crisi del settore edilizio nei comuni colpiti anni fa dal terremoto.

Hanno partecipato i rappresentanti dell’Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili, ),  Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confindustria di Umbria e Marche,  dei sindacati (Cgil – Cisl –Uil),  e i  sindaci della fascia appenninica.

L’incontro gualdese – voluto fortemente del sindaco Massimiliano Presciutti e dal primo cittadino  di Fabriano Giancarlo Sagramola –   è servito ad aprire un confronto creando una sinergia tra i soggetti presenti per addivenire ad una proposta  sul tema.

Mettere insieme così tante forze provenienti da Umbria e Marche su un tema delicato come quello della crisi del settore edilizio post-sisma nel territorio è certamente un passo avanti – hanno sottolineato in una nota congiunta Presciutti e Sagramola – La grande partecipazione di oggi è la riprova di come ci sia la volontà da parte di tutti di costruire in sinergia una proposta concreta in tempi brevi da inviare in modo congiunto alle due Regioni e al Governo. L’obiettivo è rivitalizzare l’economia dei nostri territori riqualificando, dal punto vista edilizio ed energetico, edifici e strutture pubbliche e private che insistono nei comuni dell’area colpita dal terremoto del 26 Settembre 1997 e che, già censiti, non hanno avuto alcun sostegno economico per avviare i lavori“.

Articolo precedenteAnche a Gualdo le Giornate Fai di Primavera
Articolo successivoPerugia 1416: San Facondino si gemella con Porta Santa Susanna
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.