Gli Amici del Germoglio inaugurano la nuova sede

GUALDO TADINO – Un laboratorio ceramico dell’associazione Amici del Germoglio. Ora è realtà grazie ai nuovi locali dell’ex farmacia comunale di piazza Martiri, dati in concessione dalla Usl Umbria 1 in collaborazione con i servizi sociali del Comune di Gualdo Tadino. Locali che saranno un punto di riferimento e sostegno per i ragazzi in difficoltà del Germoglio e non. Oltre a Gualdo Tadino i ragazzi provengono anche da altri comuni della fascia appenninica Umbra. L’inaugurazione ufficiale avverrà il prossimo venerdì 14 ottobre alle ore 17.30.

“Ringrazio tutti gli operatori della cooperativa Asad ed i ragazzi del Germoglio – ha dichiarato il presidente dell’associazione, Marcello Guidubaldi – che si sono adoperati per rendere possibile l’inaugurazione di questa nuova sede. Si ricorda che questa iniziativa voluta fortemente già dal compianto ex presidente Guidubaldi è ora venuta finalmente alla luce coronando un sogno che ha mosso i suoi primi passi quasi 10 anni fa. Sono certo che l’ex presidente sarebbe stato fiero di quanto è stato fatto e di quanto stiamo facendo ed in futuro cercheremo di proseguire su questa strada”.

Saranno presenti all’inaugurazione l’assessore regionale alla Sanità Luca Barberini, il Direttore Generale Usl Umbria 1 Andrea Casciari e i funzionari della Usl stessa, oltre al sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti.

“La presenza di tante personalità di spessore – conclude Guidubaldi – testimonia il grande valore che assume questo servizio per il territorio. Altri comuni, anche di dimensioni maggiori del nostro, non sono infatti riusciti a concretizzare questa meravigliosa idea. Di tutto ciò la città di Gualdo Tadino ne deve andare orgogliosa e fiera, anche perché da questi ragazzi fantastici si riceve sempre più di quanto si dà”.

Articolo precedenteCantagiro 2016, trionfa la gualdese Maria Sole Fazi
Articolo successivoComunanza: “Anche noi all’incontro con Rocchetta”
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.