Tantissima gente ad ammirare il presepe vivente “Venite Adoremus”

Grande successo per il presepio vivente Venite Adoremus, unico nel suo genere, organizzato dall’Associazione Culturale Capezza e proposto nel meraviglioso scenario degli Orti del Bambin Gesù. Tra il giorno di Natale e quello di Santo Stefano si sono create lunghe code di visitatori all’ingresso di via Cesare Battisti. Un risultato che sta sicuramente premiando lo sforzo compiuto dai membri dell’associazione per allestire questa affascinante rappresentazione della Natività. Il presepe sarà aperto anche il 5 gennaio dalle 21 alle 23 e il 6 gennaio dalle 17 alle 20.

Solo nella giornata di Natale sono state oltre mille le persone che hanno varcato i cancelli per poter ammirare il presepe ispirato all’Adorazione di Gentile da Fabriano, un successo bissato se non superato anche nel pomeriggio di Santo Stefano. Suggestivo lo spazio illuminato dalle luci di fiaccole e fuochi, che ha proiettato i visitatori in uno spaccato del XV secolo con la Natività contornata da personaggi in costume quattrocentesco. Nobili e popolani hanno animato i locali ricostruiti in quella porzione del convento delle suore gualdesi.

[cycloneslider id=”venite-adoremus”]

Foto Edoardo Ridolfi

Un modo per coniugare tradizione, devozione popolare, valorizzazione delle architetture del centro storico e promozione di un’iniziativa dall’altissimo valore culturale. Per l’occasione sono stati allestiti degli spazi che richiamano mestieri artigiani della tradizione gualdese, ceramista-fabbro-falegname, ma anche una locanda, la lavorazione del formaggio e altri che fanno da cornice alla Natività. Particolare menzione merita l’angolo degli alchimisti che, grazie agli odori e ai colori, nonché alla bravura dei personaggi che l’animano, ha attirato molto l’attenzione dei visitatori.

“Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto. Una sfida che stando ai commenti dei visitatori e a quelli lasciati sui social network ha colto nel segno e, con un po’ di emozione e tanta gratitudine, possiamo considerare vinta. Un ulteriore risultato positivo per Capezza, raggiunto grazie alla collaborazione e al lavoro degli associati che si sono impegnati a realizzare questo Presepio con attenzione, cura e rispetto. A loro, alle Suore del “Bambin Gesù” e a tutti i visitatori va il mio ringraziamento personale e quello di tutta Capezza” ha commentato il presidente Michele Storelli.

Articolo precedenteAl teatro Talia in arrivo tre serate con musicisti gualdesi
Articolo successivoFrate Indovino omaggia Castore Durante
Redazione Gualdo News
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.