Un’opera di Paolo Rubboli al Museo Internazionale di Faenza

Un’opera di Paolo Rubboli sarà presente al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza. La notizia arriva direttamente dall’Associazione Culturale Rubboli, che lo scorso gennaio aveva proposto alla direttrice del museo faentino Claudia Casali la donazione di un manufatto ottocentesco del ceramista e maestro del terzo fuoco gualdese.

L’Associazione aveva infatti rilevato come l’Ottocento gualdese non fosse rappresentato nel museo internazionale, e ha ritenuto opportuno colmare tale lacuna, promuovendo così sia la figura di Paolo Rubboli, che il museo a lui dedicato a Gualdo Tadino. Pochi giorni fa ecco la risposta positiva da parte del M.I.C., che ha accettato la donazione.

Il piatto donato presenta una scena di storia romana nel cavetto, e girali popolati di amorini e animali fantastici nella tesa, dove compaiono anche quattro clipei con busti virili, recanti la data 1525.

Il soggetto si ritrova in un esemplare quasi identico esposto al Museo Opificio Rubboli di Gualdo Tadino e pubblicato nel catalogo. Le differenze tra le due opere riguardano alcuni dettagli della tesa, come la presenza di figure con folte chiome nel piatto del museo che tra l’altro riporta una data diversa, 1542. I motivi ornamentali trovano inoltre un confronto stringente nel piatto da pompa con Ratto delle Sabine, conservato nello stesso museo. Il pittore della scena figurata e della tesa va identificato con molta probabilità in Giuseppe Discepoli, primo collaboratore di Paolo Rubboli e presenza costante e attiva nella manifattura.
L’opera è tipica della fase iniziale della Rubboli, tra gli anni settanta e i primi anni ottanta, quando la tecnica del lustro era ancora agli esordi, in quel clima di revival e riscoperta che riguardò non solo la ceramica, ma tutte le arti applicate durante il XIX secolo.

La donazione del piatto e “l’ingresso” di Paolo Rubboli al Museo Internazionale delle Ceramiche rafforza ancora di più il rapporto tra le due città della ceramica, che proprio la scorsa settimana hanno stretto un patto di amicizia nella città romagnola.

Articolo precedenteCampetti di San Rocco degradati, i “ragazzi” degli anni 90 li risistemeranno
Articolo successivoBus, ecco la linea diretta Gualdo-Perugia. Come cambia il trasporto locale
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.