Questa sera Gualdo Tadino si tuffa nel Medioevo tingendosi di blu

Pubblicità

“La Notte Blu: il Medioevo nella città della cuccagna”. Questa sera Gualdo Tadino si tingerà di blu affondando nel suo passato. Blu come il colore del “guado” o “gualdo”, famosa pianta tintoria che fece grande il nome della città nei secoli scorsi.

Un’epoca misteriosa e affascinante, che rivivrà in questa notte grazie a una serie di spettacoli di grande spessore artistico e di notevole impatto emotivo promossi e coordinati dall’Ente Giochi de le Porte, che ha voluto questo evento in occasione del quarantennale del Palio di San Michele Arcangelo.

“La Notte Blu rappresenta una sorta di porta del tempo, che il pubblico potrà attraversare incuriosito dalle diverse attrattive che ci rimandano ad un epoca lontana ma ricca ed affascinante”, sottolinea il direttore artistico del Quarantennale, Daniele Gelsi.

Saranno di scena le quattro Porte con temi e spazi di allestimento situati nelle principali piazze, una serie di spettacoli in piazza Martiri e in piazza Garibaldi, con tanto di cena itinerante nelle quattro taverne. Streghe, saltimbanchi, giochi di fuoco caratterizzeranno l’evento promosso dall’Ente Giochi. La serata inizierà alle 19 per concludersi a notte fonda.

 

Articolo precedenteSpento il rogo della pineta di San Guido, ma la situazione viene monitorata
Articolo successivoL’incendio di San Guido nelle foto di Paolo Venarucci
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.