Comunanza: “Ecco quanto fatto e le prossime tappe”

Sicuramente stimolata dall’intervento del sindaco di Gualdo Tadino di mercoledì scorso, che l’aveva accusata di “non aver investito un centesimo nel territorio e di non essersi dotata di regole certe per la gestione di sua competenza”, la Comunanza Agraria Appennino Gualdese presenta oggi, con una nota stampa, i bandi a cui ha lavorato per le attività che sono state già ripristinate, o che sono in corso di rilancio.

Accanto alle molte attività in ambito forestale e di pascolo – dicono dalla sede della Comunanza – sono stati individuate fonti di finanziamento fino a due milioni di euro presso le varie autorità competenti. A seguito della sentenza del Commissariato agli Usi Civici del marzo 2016, l’ente montano, oltre all’ordinaria amministrazione svolta fino a quel momento, ovvero il taglio della legna, l’emanazione di bandi per acquisire varie manifestazioni d’interesse (tra le quali quelle per la gestione della tartufaia di Capralina e di cento ettari di terreno da adibire a pascolo), ha dato la propria adesione ad importati progetti di pianificazione e salvaguardia del territorio finanziati dalla Comunità Europea“.

E’ stata anche migliorata la viabilità della strada di accesso ai lotti di taglio – continuano da via Bersaglieri – Altri interventi effettuati riguardano l’ambito forestale delle faggete con lo scopo di abbattere l’emissione di anidride carbonica (impegno economico di circa 196mila euro), i partenariati nei progetti di ricerca e sviluppo con l’Università di Perugia e l’Università della Tuscia sempre nel settore delle tecniche ecologiche di gestione forestale. Tra questi ultimi si citano l’adesione al PSR 2014-2020 e, in particolare, la Misura 08 – Sottomisure 8.3 (Prevenzione danni alle foreste), 8.4 (Ricostituzione foreste danneggiate) e 8.5 (Miglioramento ecosistemi forestali) grazie alla collaborazione con AFOR (agenzia Regionale Forestale) per circa 145mila euro per la Realizzazione/manutenzione fasce antincendio e miglioramento della viabilità montana, già realizzate nel 2017. Sono state inoltre richiesti, in collaborazione con il comune di Gualdo Tadino, fondi europei per il recupero dell’ex ristorante San Guido e della zona pertinenziale per un valore di più di 456mila euroAlla fine di settembre, insieme all’Agenzia forestale della Regione Umbria, la Comunanza si è impegnata per reperire i fondi necessari al ripristino della transitabilità delle strade forestali“.

La Comunanza elenca anche le prossime tappe, quali “la stesura e pubblicazione del bando per la gestione dei rifugi montani Valsorda, Chiesetta e Quarti, oltre all’elaborazione di un progetto di recupero dei fontanili di Gualdo Tadino e delle loro strade di accesso. Lo scorso 10 ottobre, grazie ad esperti della montagna gualdese, è stato possibile finalizzare l’inventario dei Fontanili, da Palazzo Mancinelli a Corcia e la mappatura in GPS per iniziare subito con la progettualità. In poco più di un anno dall’inizio della gestione diretta, la Comunanza ha inoltre riattivato la procedura tramite bando per stipulare i contratti per espletare le varie attività e chiesto fondi per oltre un milione di euro in favore di interventi montani e sulle proprietà immobiliari amministrate. Oltre ad aver collaborato con il Comune per dare il via libera ai lavori di ripulitura dell’area Rocchetta“.

Articolo precedenteCentro storico colorato dai fiori grazie al Museo dell’Emigrazione
Articolo successivoPresciutti a Mattarella: “Le racconto la vicenda Rocchetta”
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.