Da febbraio il Frecciarossa a Perugia con due corse al giorno

Il Frecciarossa arriva in Umbria, diventa anche perugino e si connette alla “metropolitana d’Italia”. Dai primi giorni di febbraio, infatti, due corse al giorno, sette giorni su sette, del treno ad Alta Velocità di Trenitalia viaggeranno tra Perugia, Firenze, Bologna e Milano fino a Torino.

La mattina il Frecciarossa partirà da Perugia alle 5.13 raggiungendo il capoluogo lombardo alle 8.30. L’arrivo a Torino è previsto per le 9.55 con fermate anche a Firenze (alle 6.34) e Bologna (7.18). Il rientro da Milano è previsto alle 18.45 con arrivo a Perugia alle 22.18.

Grazie a questo nuovo servizio verrà quindi ulteriormente esteso il network Frecciarossa in modo da migliorare la mobilità del territorio umbro, assicurando copertura a bacini di traffico oggi non pienamente presidiati ed assecondando anche la domanda di leisure.

Orazio Iacono, amministratore delegato di Trenitalia, nel presentare oggi a Perugia il nuovo collegamento, ha dichiarato “La nostra azienda è al servizio del paese, sta lavorando per migliorare la qualità degli spostamenti dei cittadini e, insieme, la loro qualità di vita. Ampliare i benefici dell’Alta Velocità a territori non toccati direttamente dall’infrastruttura veloce è uno dei nostri obiettivi, che perseguiamo convinti di poter attrarre una significativa domanda e, contemporaneamente, rendere un servizio utile e apprezzato dalla clientela che potrà trarre significativi benefici nella propria esperienza di viaggio”.

I nuovi Frecciarossa da e per Milano si aggiungono all’offerta attuale costituita da quattro corse intermodali treno+bus Freccialink con cambio a Firenze, due corse dirette Intercity e numerose soluzioni di viaggio Regionali+Frecce con cambio a Firenze.

Articolo precedenteIl 26 dicembre il Presepe Vivente per le vie del centro di Fossato di Vico
Articolo successivoGiochi de le Porte a rischio per ordinanze e restrizioni. Il punto dell’Ente
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.