Tagina, la prossima settimana decisiva per il futuro

Era particolarmente atteso l’incontro che si è tenuto ieri pomeriggio negli uffici della Regione al Broletto tra la proprietà dell’azienda Tagina, i sindacati, la Rsu, l’amministrazione comunale di Gualdo Tadino, Confindustria e le finanziarie regionali Gepafin e Sviluppumbria, oltre ovviamente a dirigenti e funzionari regionali. Un vertice che è arrivato tre giorni dopo la mobilitazione dei lavoratori culminata lunedì scorso con la prima storica manifestazione di protesta nei 45 anni di vita della più importante azienda ceramica dell’Umbria.

“Se entro fine mese non si chiude l’accordo per la cessione qui si rischia grosso – aveva detto alla vigilia dell’incontro Euro Angeli, segretario della Filctem Cgil di Perugia – ecco perché è importante il tavolo in Regione: bisogna sbloccare questa situazione di stallo nella quale a rimetterci sono i lavoratori che non vedono da mesi gli stipendi e temono per il loro futuro”. E proprio i lavoratori, che sono in sciopero a oltranza, hanno deciso di accompagnare la loro Rsu, insieme ai sindacati, Filctem e Femca, all’incontro in Regione per seguire da vicino questo vertice, riempiendo due pullman che nel primo pomeriggio sono partiti da Gualdo Tadino alla volta di Perugia.

Al termine del summit è filtrato un cauto ottimismo circa la possibilità che la cessione della storica azienda ceramica possa concretizzarsi nei prossimi giorni. Secondo il sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, tra i soci di Tagina vi è la volontà di vendere come nel possibile acquirente, che sarebbe Gambini Group, vi è quella di acquistare. A quanto risulta, entro i primi giorni della prossima settimana il gruppo emiliano, una volta esaminate le carte, dovrebbe presentare una proposta formale. Ciò non vuol dire, come ha sottolineato lo stesso sindaco Presciutti, che la trattativa si chiuderà, ma comunque si tratta di un passo in avanti.

A confidare in un esito positivo della vicenda sono i circa 200 dipendenti dell’azienda, ormai senza stipendio da quasi tre mesi, e l’indotto che gravita intorno a questa realtà importantissima per il tessuto economico gualdese e della Fascia Appenninica, già devastato da una crisi senza precedenti.

Articolo precedenteFrancesco Commodi nuovo segretario del Pd di Gualdo Tadino
Articolo successivoGiorno della Memoria, un incontro nelle scuole per non dimenticare
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.