Elezioni, in Umbria “cappotto” del centrodestra. M5S primo partito

elezioni

Non era mai successo in passato che il centrodestra in Umbria portasse a casa tutti i candidati eletti nell’uninominale. Un risultato storico per la coalizione che vedeva insieme Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Noi per l’Italia-Udc. Come storico è il risultato del Movimento 5 Stelle che anche nella nostra regione, come a livello nazionale, diventa il primo partito.

Ma chi fa incetta di parlamentari in Umbria è la Lega che, alla fine, ne porterà a casa ben quattro: Riccardo Augusto Marchetti e Donatella Tesei nell’uninominale, il vicesindaco di Nocera Umbra Virginio Caparvi e Luca Briziarelli nel proporzionale. Sorride e non poco anche Fratelli d’Italia che, a dispetto di una percentuale regionale del 4,87%, stacca due “pass” per Roma con l’ex consigliere regionale Franco Zaffini e l’assessore al Comune di Perugia Emanuele Prisco, entrambi eletti nell’uninominale. Altrettanti ne ottiene Forza Italia, con l’approdo alla Camera dell’attuale consigliere regionale Raffaele Nevi, che ha conquistato il proprio collegio di Terni, mentre al Senato i cosiddetti “resti”, che premiano la coalizione vincitrice con due senatori, vedono quasi certa l’elezione dell’ex consigliere regionale Fiammetta Modena. Potrebbe farcela anche Catia Polidori, che se la sta vedendo in queste ore con Eleonora Pace di Fratelli d’Italia.

Il Movimento 5 Stelle conferma Tiziana Ciprini e Stefano Lucidi, eletti nel proporzionale, mentre il Pd deve accontentarsi della conferme di Anna Ascani e Nadia Ginetti, con quest’ultima che rileverà Matteo Renzi, il quale, avendo anche vinto il collegio di Firenze, lascerà libero il posto, Possibile anche l’elezione, attraverso i resti, di Leonardo Grimani, in lizza con la pentastellata Emma Pavanelli. Per gli ultimi due posti bisognerà aspettare la conclusione definitiva dello spoglio a livello nazionale per poter poi procedere al calcolo dei resti. Restano così in bilico Walter Verini del Pd e Filippo Gallinella del M5S.

A Gualdo Tadino il Movimento 5 Stelle è il primo partito della città dove ha sfiorato il 30% (29,84%), seguito da Lega e Pd al 22,7%. Forza Italia è al 12,3%, Fratelli d’Italia al 3,67%, Noi con l’Italia-Udc al 2,44%. Flop di Liberi e Uguali (1,5%).

A Gubbio exploit del Movimento 5 Stelle. Nella storica roccaforte della sinistra, i pentastellati portano a casa il 36,7%. Pd al 25%, Lega al 17,3%.

Anche Nocera Umbra vittoria del M5S con il 30,97 seguito dalla Lega al 29,8. Pd 18%, FI 10,5%.

A Fossato di Vico il M5S è al 34,8%, seguito da Pd (24,6%) e Lega (23,4%).

A Sigillo tracima il M5S che sfiora il 40% (39,9%), seguito da Pd (22,9%) e Lega (15,9%). Idem a Costacciaro con il M5S al 39,4% con Pd (23,9%) e Lega (13,9%) staccati.

A Scheggia e Pascelupo M5S sempre primo partito con il 27,3%, tallonato dalla Lega (26,2%). Terzo il Pd con il 24,7%.

A Valfabbrica sono sempre i pentastellati a chiudere in testa con il 31,1% davanti alla Lega (29,8%) e Pd (18,1%).

 

Articolo precedenteTagina, il sindaco Presciutti conferma l’interesse del gruppo emiliano
Articolo successivoFesta della Donna, all’ospedale di Branca arriva l’open day ginecologico
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.