Al Museo Rubboli due giorni dedicati alla ceramica a lustro

Si avvicina la due giorni dedicata alla ceramica a lustro che l’Associazione Culturale Rubboli, in collaborazione con il Polo Museale di Gualdo Tadino, ha messo in cantiere nell’ambito della manifestazione “Buongiorno Ceramica 2018”.

Come già comunicato, per i giorni 19 e 20 maggio presso il Museo Opificio Rubboli, è in programma un evento piuttosto particolare: “L’Eredità del Piccolpasso”, due giornate dedicate a Cipriano Piccolpasso (1524-1579) con una cottura con fumo di ginestra negli antichi forni a muffola  dell’opificio e interventi di esperti per illustrare ai visitatori la particolare tecnica ceramica e lo straordinario personaggio che fu Cipriano.

Al ricco programma si è aggiunta una novità dell’ultima ora grazie al collezionista e grande amante della ceramica artistica Luigi Patera che, dalla sua importante collezione, ha messo a disposizione tre antiche edizioni del libro del Piccolpasso “Li Tre Libri dell’Arte del Vasaio” e, dello stesso autore, una de “Le piante et i ritratti delle città e terre dell’Umbria sottoposte al governo di Perugia”.

I volumi, per l’occasione, saranno esposti nella bacheca della prima stanza del museo, insieme ai manufatti di Paolo Rubboli.

Programma

Sabato 19 maggio, dalle ore 15
“L’eredità del Piccolpasso”: cottura “a muffola” con fumo di ginestra alla maniera di Mastrogiorgio Andreoli negli antichi forni del Museo Opificio Rubboli con la partecipazione di Maurizio Tittarelli Rubboli e la collaborazione dell’Associazione Culturale Rubboli.
Interventi:
Marinella Caputo, “Cipriano Piccolpasso, architetto militare e vasaio”
Luca Pesante, “Cipriano Piccolpasso e Li Tre Libri dell’Arte del Vasaio”
Clarissa Sirci, “Cipriano Piccolpasso e l’arte di Maestro Giorgio”
Presentazione della guida breve del Museo Rubboli, Il Museo Geniale a cura di Marinella Caputo
Museo Opificio Rubboli, via Giuseppe Discepoli 16

Domenica 20 maggio, dalle ore 11
Apertura del forno a muffola e visione dei manufatti, visite guidate al museo con la partecipazione di Maurizio Tittarelli Rubboli e la collaborazione dell’Associazione Culturale Rubboli.
Museo Opificio Rubboli, via Giuseppe Discepoli 16

Articolo precedenteGiro d’Italia, è stata letteralmente una tappa da Leoni
Articolo successivoSulle cinque cime di Gualdo con il Cai e il Gruppo Speleologico
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.