Sigillo, realizzata la prima area picnic totalmente accessibile

Pubblicità

La prima area picnic totalmente accessibile presso l’area verde che porta al monte Cucco è stata realizzata dall’amministrazione comunale di Sigillo.

La presenza di un percorso senza barriere architettoniche, sia per i giochi installati che per il tavolo su cui gli astanti potranno vivere momenti di convivialità immersi nel verde insieme al proprio amico o familiare che sia portatore di una disabilità, è un obiettivo in linea con le politiche di inclusione del Comune di Sigillo.

“Il progetto – ha detto il sindaco Riccardo Coletti – è l’ultima realizzazione che la nostra amministrazione inserì nei progetti “Masterplan” concretizzando, così, quella peculiarità inclusiva che qualifica Sigillo come città “Zero Barriere”: tale realizzazione tiene conto anche dei momenti che una famiglia, al cui interno siano presenti persone con disabilità, possa trascorrere una giornata all’insegna della condivisione e della più spensierata serenità. Nell’area sono stati installati sia giochi per ragazzi con disabilità, come l’altalena per soggetti in carrozzina, e sia giochi per ragazzi “normodotati” proprio per esaltare la massima inclusione sociale possibile attraverso il gioco ed i sorrisi. Per la materiale realizzazione, possibile a seguito del finanziamento della Regione Umbria attraverso i Fondi POR erogati dall’ufficio Parchi e politiche Forestali facenti capo all’assessore Fernanda Cecchini, si ringrazia l’Agenzia Forestale che, attraverso il proprio tecnico e le proprie maestranze, ha coniugato la capacità lavorativa alla cura puntuale e sensibile di ogni piccola inezia che avesse potuto inficiare l’inclusività sociale dell’area. Un lavoro molto ben realizzato  – ha concluso il primo cittadino – che rappresenta per Sigillo e per l’intero parco del monte Cucco un fiore all’occhiello in termini di progresso sociale e sensibilità inclusiva sopratutto nel campo ludico ricreativo: altro obiettivo raggiunto per consolidare la qualifica “Sigillo città Zero Barriere”.