Mara Loreti: “La situazione della Valle del Fonno grida vendetta”

Pubblicità

Allarme per la situazione della Valle del Fonno, la bellissima oasi che si trova all’interno della gola della Rocchetta pesantemente colpita dall’alluvione del 2013 e a tutt’oggi rimasta praticamente nella situazione di devastazione di cinque anni fa. A lanciarlo la naturalista gualdese Mara Loreti. “La Valle del Fonno, un gioiello della montagna gualdese sta lì ad attendere che qualcuno le restituisca la sua dignità e il suo fiume tombato negli anni Sessanta” (il Feo, ndr), sottolinea.

Quest’area – evidenzia Mara Loreti – tra ettari di bosco, una faggeta sottratta al taglio negli anni Ottanta, un ambiente unico dopo il ritorno degli ungulati e dei lupi e dove nidificano il falco pellegrino e l’aquila, è alle prese con dispute in tribunale (legate alla vicenda Rocchetta-Comunanza Agraria, ndr) e si trova nel più completo abbandono.”

“A chi spetta di restituire ai gualdesi, alla collettività regionale ed oltre questo immenso patrimonio? – si chiede Loreti – Quale danno arrecato al turismo ambientale e culturale? Sentieri non gestiti, tabelle distrutte, mulattiere impraticabili. I prati di Campetella mai più sfalciati e decespugliati, eppure siamo in un’area di Interesse Comunitario che oltre alle misure di conservazione da rispettare prevede anche delle sanzioni amministrative. Intanto quella Valle grida, urla vendetta, ma nessuno ascolta e nessuno alza la propria voce per sbloccare un’assurda e dannosa situazione che fa male al cuore, allo spirito, a Gualdo.”