Acque minerali, varato il regolamento attuativo. Soddisfazione di Morroni

Pubblicità

La Giunta regionale dell’Umbria ha adottato, con delibera del 12 novembre scorso, la proposta di regolamento di attuazione della legge regionale 22 dicembre 2008, n.22 riguardante le norme per la ricerca, la coltivazione e l’utilizzo delle acque minerali naturali, di sorgente e termali.

Al riguardo ha espresso soddisfazione il consigliere regionale di Forza Italia, Roberto Morroni: “Al conseguimento di tale risultato ha sicuramente contribuito anche l’interrogazione da me presentata dove chiedevo di conoscere le motivazioni alla base della mancata adozione del regolamento in questione, che doveva essere già stato approvato nel dicembre 2017. Un importante risultato anche per il Comune di Gualdo Tadino, oltre che per gli altri Comuni umbri interessati dalla D.G.R. di cui sopra (Gubbio, Foligno, Orvieto, Sellano, San Gemini, Nocera Umbra, Acquasparta, Cerreto di Spoleto, Massa Martana, Scheggia-Pascelupo) – prosegue Morroni – che avranno così la possibilità di poter avere ogni anno ingenti somme (per Gualdo Tadino circa 150.000 euro l’anno) da destinare ad interventi di natura ambientale nel proprio territorio; stanziamenti che sarebbero dovuti già essere a disposizione delle varie amministrazioni dall’anno in corso, se non fosse stato per i ritardi dell’esecutivo regionale nel varo del regolamento in questione. Ci riserviamo – conclude il capogruppo regionale di Forza Italia – una valutazione nel merito del regolamento varato dalla Giunta.”