Matteo Minelli: “Pronto a un progetto di sviluppo sull’acqua gualdese”

matteo minelli assobirra
Pubblicità

Tutto è iniziato ieri, dopo una domanda fatta a Chiara Bigioni di Rocchetta SpA durante la conferenza stampa in occasione della presentazione del progetto di partnership dell’azienda di acque minerali con il settore giovanile del Gualdo Casacastalda.

Che significa quello che ha detto il presidente Rinaldini del Gualdo e cioè che l’accordo è vincolato agli sviluppi delle vicende giudiziarie?“. “Significa che in questa situazione siamo impediti a portare avanti gli investimenti – ha risposto Chiara Bigioni – Se l’azienda non cresce si devono valutare le possibilità di uno sviluppo, qui o altrove”. 

Nel merito è intervenuto Matteo Minelli di Ecosuntek e Birra Flea con una nota stampa che paventa la possibilità, in caso Rocchetta dia seguito a quanto ipotizzato, di investire nell’acqua gualdese.

Il nostro territorio sta vivendo ormai da tempo un periodo di grande criticità – dice Minelli – Con grandi difficoltà e sacrifici le aziende del nostro gruppo hanno continuato ad investire nella nostra città e abbiamo intenzione di continuare a farlo anche per i prossimi anni“.

Per Minelli, Gualdo Tadino è un luogo complicato dove fare impresa, ma “come tutti i borghi italiani, è un luogo speciale, ricco di tradizioni, cultura e soprattutto di persone per bene che vogliono rimboccarsi le maniche, abituate storicamente al sacrificio“.

Dopo aver premesso di confidare in una definizione in tempi brevi della vicenda Rocchetta e che l’azienda possa fare il suo investimento, l’imprenditore gualdese annuncia che “qualora Rocchetta prenda questa decisone, fra l’altro legittima, sono disponibile a mettermi in gioco valutando un progetto di sviluppo che permetta ancora a Gualdo Tadino di portare la propria acqua in tutto il mondo e soprattutto che possa dare occupazione e ricadute positive per il nostro territorio”.

Tutto questo – conclude Minelli – ovviamente con il massimo rispetto di tutti i soggetti in gioco e salvaguardando gli aspetti legati alle ricadute sul territorio , che devono ovviamente essere conciliati con quelli dei giusti profitti di un impresa“.