Acli, pronto il censimento degli immigrati e un convegno su Achille Grandi

acli raccolta firme
Pubblicità

Il mese di marzo sarà contraddistinto da due importanti appuntamenti che vedranno protagonista il circolo Acli Ora et Labora di Fossato di Vico e le Acli del territorio dell’Eugubino-Gualdese.

Si partirà domenica 24 marzo con la presentazione dei dati del XVI Censimento degli immigrati regolarmente soggiornanti nei comuni della zona eugubino-gualdese. L’annuale censimento sarà presentato alle ore 10,45 presso il Castello di Baccaresca di Gubbio dal presidente dell’Ora et Labora Sante Pirrami.

A seguire, il procuratore generale della Repubblica di Perugia Fausto Cardella proporrà le sue considerazioni riguardo al tema dell’incontro: “L’equazione: +Immigrazione +criminalità = -sicurezza?” Un dibattito di stringente attualità che verrà analizzato individuando le possibili correlazioni tra immigrazione e criminalità cercando inoltre di capire se l’Italia sia meno sicura di altri paesi europei e se questo sia imputabile alla presenza di stranieri. Alle ore 12,30 don Raniero Menghini celebrerà la santa messa prima del pranzo che concluderà la giornata.

Mercoledì 27 marzo alle ore 10,30, presso l’aula magna dell’istituto Cassata-Gattapone di Gubbio, si terrà l’incontro-dibattito su Achille Grandi, maestro del sindacalismo moderno e dell’associazionismo cristiano, cofondatore della Cil e della Cgil, deputato alla Costituente nonché fondatore e primo presidente delle Acli. La straordinaria figura del sindacalista lombardo, che fin da subito ebbe l’intuizione di capire l’importanza del ruolo dei cattolici e della loro rappresentanza nel mondo sindacale, verrà analizzata e ricordata da eminenti ospiti. Dopo i saluti istituzionali del presidente Sante Pirrami e di Alessandro Moretti presidente provinciali delle Acli, seguiranno le relazioni di Giancarlo Pellegrini, docente di storia contemporanea dell’università di Perugia, di Marco Vinicio Guasticchi vice presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Umbria e del presidente nazionale delle Acli Roberto Rossini.