Quattro liste a sostegno della candidatura di Massimiliano Presciutti

Pubblicità

Saranno quattro le liste, di cui tre civiche, che appoggeranno la ricandidatura a sindaco di Gualdo Tadino di Massimiliano Presciutti: Partito Democratico, Gualdo Futura, Core Gualdese e Forza Gualdo. Sono state prentate ufficialmente dall’attuale primo cittadino nella nuova sede della coalizione, in via Flaminia.

Non sono stati anticipati i nomi dei componenti delle liste, ma Presciutti ha evidenziato che “vi saranno belle e qualificate sorprese. Molte persone si stanno avvicinando spontaneamente a questo progetto, a testimoniare che partiamo da un’esperienza positiva maturata in questi cinque anni”. Quanto alla presenza del Pd, Presciutti ha tenuto a sottolineare di “non vergognarsi, a differenza di altri, delle propria storia”.

“Sono dei contenitori rappresentativi di un’ampia condivisione – ha proseguito – Stiamo affilando il programma perchè ciò che intendiamo fare lo presenteremo ora e non dopo (il riferimento è evidentemente al centrodestra che si presenterà diviso al primo turno, ndr). Abbiamo scelto come slogan ‘insieme possiamo‘ perchè stiamo insieme convintamente. Al contrario di altri schieramenti, che hanno da tempo messo in campo teatrini ad uso e consumo interno, cosa che a noi non interessa, la nostra coalizione baderà alla concretezza con proposte chiare e condivise. Entro il 15 aprile faremo una conferenza programmatica nella quale comunicheremo ciò che intendiamo fare per Gualdo Tadino per i prossimi cinque anni, senza variazioni in corso d’opera.”

Intanto il 9 aprile verrà presentato il cronoprogramma degli interventi riguardanti l’ex ospedale Calai e l’area circostante, alla presenza del direttore generale della Asl e dell’assessore regionale alla sanità. Cinque giorni prima, il 4 aprile, alcuni rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei Ministri saranno a Gualdo Tadino per parlare della strategia Aree Interne. “Un’iniziativa che coinvolge diversi comuni e che porterà notevoli risorse a Gualdo Tadino. Questa è la migliore risposta a chi sostiene che in questi anni la nostra città è rimasta isolata”, ha concluso Presciutti.