Il palasport Carlo Angelo Luzi di nuovo aperto al pubblico

Pubblicità

Il palasport “Carlo Angelo Luzi” di Guado Tadino è di nuovo fruibile dopo le ultime vicissitudini relative alla messa in sicurezza. La cerimonia di “riapertura” della quasi quarantenne struttura ha visto la presenza del sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti, dell’assessore allo Sport Emanuela Venturi, dell’assessore alle Manutenzioni Fabio Pasquarelli, del Presidente del Coni Umbria Domenico Ignozza, del Presidente della Federazione Italiana Pallacanestro Umbria Mario Capociuchi, del progettista Matteo Passeri, del Presidente del Gruppo Fiondatori di Gualdo Tadino Sergio Sabbatini, della Dirigente Scolastica Francesca Pinna, della docente dell’istituto Casimiri Adonella Biagioli e della piccola Gaia Pieretti quale esempio sportivo di far play.

Oggi il palasport diventa una struttura sicura e totalmente fruibile – ha dichiarato il sindaco Presciutti – dopo gli interventi realizzati e potrà tornare ad ospitare anche il pubblico. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato per settimane. Abbiamo ora una struttura tra le più belle dell’Umbria e del Centro Italia. Una struttura riconsegnata in tutto il suo splendore, per il quale abbiamo lanciato la sfida, insieme al Coni Umbria, di poterla presto far diventare sede della Federazione Internazionale Fiondatori”.

Gli interventi effettuati hanno rimesso in sicurezza la struttura, chiusa da diversi mesi al pubblico. Nello specifico i lavori hanno riguardato la posa in opera di policarbonato trasparente applicato sulla balaustra delle tribune, il posizionamento di 300 seggiolini sulle tribune secondo gli standard di sicurezza e visibilità del Coni, il rifacimento totale della rete idrica anti incendio, la realizzazione di un bagno per diversamente abili, la tinteggiatura di tutte le opere metalliche, l’adeguamento dell’allaccio idrico per l’impianto antincendio, il ripristino dei gradoni e la sistemazione dell’impianto di illuminazione.

E’ stata una sfida importante e stimolante – ha detto il progettista Matteo Passeriperché le condizioni iniziali erano critiche. Mesi fa il palasport è stato chiuso, perchè non c’erano le condizioni di sicurezza. Per riaprirlo oggi abbiamo superato un percorso lungo e tortuoso, ma alla fine insieme al Comune di Gualdo Tadino, siamo riusciti nel nostro lavoro di restituire alla comunità gualdese questa struttura nella sua interezza”.

Gli interventi sono stati finanziati dal Comune per una cifra di circa 80mila euro. Domenico Ignozza, presidente del CONI Umbria ha ringraziato “tutti coloro che hanno voluto dare allo sport questa nuova casa, che è un’eccellenza. Una struttura da prendere da esempio per tutta l’Umbria e che sarà importante per le attività sportive che vi svolgeranno le società e in particolare quelle che vedranno protagonisti i più giovani”.

A conclusione della cerimonia il Comune di Gualdo Tadino, il Coni Umbria e la Fip Umbria hanno donato delle targhe e dei riconoscimenti alla giovane gualdese Gaia Pieretti, che pochi giorni fa si è resa protagonista, durante una partita di MiniBasket, di uno straordinario gesto di fair play nei confronti di una sua avversaria, gesto finito nelle cronache dei media locali e nazionali.