L’arte di Petros Vrellis in mostra alla “Festa di Filo” di Valtopina

Pubblicità

Domenica 16 giugno a partire dalle 14 verrà inaugurata a Valtopina la mostra di Petros Vrellis “Non perdiamo il filo” presso il Museo del Ricamo e del Tessile.
L’esposizione è inserita nell’ambito della “Festa di Filo” ed è curata da Adelinda Allegretti, che rappresenta in esclusiva l’artista in Italia.

Petros Vrellis è nato in Grecia nel 1974. Ha conseguito un MEng in Ingegneria Elettrica e un Master in Scienze dell’Arte. Il suo ultimo progetto costituisce un’affascinante rivisitazione del tradizionale lavoro a maglia. Col semplice utilizzo di un telaio circolare in alluminio e un singolo filo, dà vita a ritratti in cui l’accuratezza fisiognomica non ha nulla da invidiare al disegno tradizionale.

Nello specifico, nei lavori selezionati per questa mostra, si confronta col maestro per eccellenza della sua terra, El Greco, vissuto a cavallo tra il ‘500 e il ‘600. Tirando il filo da un punto ad un altro ottiene un perfetto gioco di chiaroscuri: l’effetto dell’ombra aumenta via via che la trama si ispessisce, mentre l’incarnato è reso dalla distanza e rarefazione dell’intreccio, in una straordinaria tavolozza in scala di grigi.

Il lavoro viene effettuato manualmente, ma Petros segue passo passo le istruzioni dettate dal computer, utilizzando un modello sviluppato da un algoritmo generato elettronicamente. Sono necessari oltre due miliardi di calcoli per la produzione di ogni modello.

La mostra resterà aperta sino al 15 settembre 2019.