Nel territorio di Gualdo Tadino salari più bassi del 26%

redditi euro
Pubblicità

L’Ires Cgil dell’Umbria ha elaborato, sulla base dei dati Istat, la situazione occupazionale dei comuni dell’Umbria con riferimento alle imprese industriali alle imprese di servizi. La retribuzione per dipendente in Umbria corrisponde a 22.719 euro lorde annue.

Tenendo conto che in Italia la cifra corrispondente è 25.952, ne consegue che in Umbria i salari sono inferiori del 12,46%.

“Nel territorio di Gualdo Tadino si scende addirittura a 19.323 euro con un consistente – 26% rispetto alla media nazionale – evidenzia il presidente di Ires Cgil Umbria, Mario Bravi – Il territorio di Gualdo Tadino definito come SLL (Sistema Locale del Lavoro dall’Istat)corrisponde ai comuni di Gualdo Tadino, Nocera Umbra, Valfabbrica, Fossato di Vico ,Sigillo e Costacciaro.

Il dato (fonte ISTAT) si riferisce ai dipendenti delle imprese manifatturiere (industria) e dei servizi. La situazione occupazionale del territorio di Gualdo Tadino è la seguente:

COMUNE ADDETTI INDUSTRIA ADDETTI SERVIZI
Gualdo Tadino 1.045 2.143
Nocera Umbra 628 448
Fossato di Vico 605 362
Sigillo 224 236
Costacciaro 51 71
Valfabbrica 315 288

“Va inoltre sottolineato che dei 6.424 addetti presenti nel territorio, 4.052 sono i lavoratori dipendenti. Il fatto che i salari e gli stipendi di questi lavoratori siano inferiori di oltre un quarto (26%) dei pur bassi, rispetto agli standard europei, salari nazionali, dimostra che ridurre da un punto di vista economico e non solo i diritti dei lavoratori, non solo è iniquo ma non serve nemmeno a contrastare gli effetti “nefasti” della “crisi” – evidenzia BraviI dati della Fascia Appenninica lo dimostrano ampiamente. E va detto che purtroppo non c’è nessun segnale reale di inversione positivo di tendenza. Le vicende difficili della Jp Industries lo dimostrano ampiamente. Serve invece un’altra politica economica che valorizzi il lavoro, rilanci gli investimenti e salvi la Fascia Appenninica umbra dal declino che purtroppo è in atto.”