FI: “Il sindaco chieda il ripristino dell’area Rocchetta e si porti il dibattito in Commissione”

Pubblicità

Il gruppo consiliare di Gualdo Tadino di Forza Italia interviene sulla notizia della sentenza disposta dal Consiglio di Stato per quanto riguarda il ricorso presentato dalla Comunanza Agraria Appennino Gualdese sulla vicenda delle concessioni Rocchetta.

“Al pari del primo cittadino, nemmeno noi esultiamo di fronte all’ennesimo “ribaltone” sulla vicenda – sostengono i consiglieri comunali Silvia Minelli e Fabio Viventi, che sottolineano come questa “sia la cartina di tornasole del suo modo di gestire le vicende cittadine e, nello specifico, l’intero tema dello sviluppo economico della nostra città.”

“Piuttosto che aprire un dibattito in città, infatti, il nostro primo cittadino ha inteso solamente manifestarsi come l’unico soggetto sostenitore della causa Rocchetta. Arrivando, in più occasioni, a raccontare la bugia che noi siamo sempre stati contrari all’investimento”, evidenziano Minelli e Viventi i quali affermano i voler cercare di “conciliare le istanze della comunità con le giuste rivendicazioni di un soggetto privato, la Rocchetta Spa, che vuole investire e portare sviluppo.”

“Da sempre abbiamo sostenuto la necessità di separare i temi inerenti uno dei luoghi più cari ai gualdesi: da una parte le vicende giudiziarie legate al rinnovo, con contestuale estensione, della concessione; dall’altra il ripristino dell’area a seguito degli eventi dell’ormai lontano 2013 – ribadisce Forza Italia – Nonostante i numerosi solleciti, però, il sindaco ha continuato a sottacere anche rispetto al proprio ruolo: quello cioè di chiedere, legittimamente e suffragato dalla legge ( precisamente L. n.22 del 2008, art. 15), che venissero eseguiti i lavori di sistemazione dell’area. Comportamento sul quale, in tutta onestà, non riusciamo a trovare una motivazione oggettivamente apprezzabile. Sta di fatto, che su questo aspetto, a perdere tempo (quasi 6 anni), è stato proprio lui, contravvenendo al suo slogan, fatto di sole parole, di stare dalla parte dei gualdesi.”

“Forse è arrivato il momento di allargare la platea degli interlocutori, in maniera finalmente costruttiva e fattiva; ma che non si limiti però alle solite occasioni in cui si manifestano buone intenzioni senza avere un seguito operativo. Pertanto, coerentemente a quanto da noi annunciato durante l’ultimo Consiglio Comunale, sarebbe il caso che le istituzioni lavorino in maniera più serrata.”

Intanto, un primo appuntamento, un Consiglio Comunale straordinario aperto, a tutta la cittadinanza e in cui tutti i soggetti interessati possano rappresentare i propri punti di vista. Ma subito dopo – conclude Forza Italia – anziché avventurarsi nuovamente in tavoli allargati, che si dia inizio ad un lavoro concreto all’interno della prima commissione consiliare; il luogo dove parlare a tutto tondo dell’intera vicenda Rocchetta, ma anche dove affrontare finalmente un tema, quello dello sviluppo economico, totalmente dimenticato dal sindaco in 5 anni di amministrazione.”