Comune e Ente Giochi: “Errori nel passato, ora più spirito costruttivo”

Pubblicità

Amministrazione comunale, Ente Giochi de le Porte e i 4 Priori rappresentanti le rispettive Porte. Questi i soggetti protagonisti di un incontro organizzato per fare il punto della situazione della manifestazione più importante della città di Gualdo Tadino. Sotto, il testo integrale del comunicato stampa che ne è derivato.

“I Giochi de le Porte sono il tratto identitario della nostra comunità, di tutta la comunità, rappresentano non solo una festa unica al mondo nel suo genere, ma devono rappresentare una grande opportunità di crescita sociale, culturale ed economica.

È giunto ormai il momento di una grande assunzione di responsabilità collettiva che veda al centro come unico obiettivo la costante, ostinata volontà di operare tutti insieme, facendo tesoro degli errori compiuti per non ripeterli nel futuro. Insieme si è più forti ed insieme condividiamo la necessità non più procrastinabile di far venire meno, personalismi, divisioni, smanie esasperate di protagonismo, che hanno fatto del male ai Giochi rischiando di  fare danni irreparabili.

I Giochi de le Porte sono e devono restare la festa di tutti. Manca ormai poco più di un mese alla tre giorni più attesa dell’anno e insieme siamo impegnati per consegnare alla storia della città un’altra edizione memorabile. Siamo altresì convinti che le difficoltà non mancano, ma possiamo e dobbiamo affrontarle con rinnovato spirito costruttivo, ottimizzando e razionalizzando le spese e valorizzando tutto ciò che può far crescere i Giochi e quindi la comunità.

Non può esistere, infatti, una comunità che non condivida tutto, che non si ponga come obiettivo quello di una crescita complessiva che non veda le istituzioni come perno imprescindibile ed interlocutore privilegiato. Non possono più esistere compartimenti stagno, comportamenti tesi a dimostrare non si capisce bene quale tipo di presunta e dannosa sovranità o peggio ancora indipendenza. Le difficoltà vanno affrontate e possibilmente superate tutti insieme con umiltà, determinazione e qualche immancabile sacrificio, che tutti i soggetti portatori di interesse dovranno compiere per il bene collettivo e della festa.

Abbiamo deciso congiuntamente di aprire una nuova fase, sicuramente una sfida affascinate, impegnativa, basata sul reciproco rispetto e sulla condivisione totale in via preventiva di tutti gli aspetti della imponente macchina organizzativa che ruota intorno al mondo dei Giochi.

La priorità nell’immediato è quella di trovare le soluzioni migliori per la riuscita dell’edizione dei Giochi de le Porte 2019. Subito dopo abbiamo già  condiviso la necessità di mettere mano immediatamente a una diversa e più produttiva gestione delle taverne che sono, giova ricordarlo, spazi di proprietà pubblica da utilizzare il più possibile in diversi ambiti, sgravando finalmente l’Ente Giochi dalla gestione, coinvolgendo e responsabilizzando sempre di più le singole Porte.

Abbiamo infine condiviso l’impegno per uno sviluppo di nuove attività legate al mondo dei Giochi in grado di creare valore aggiunto e nuove opportunità sotto tutti i punti di vista. L’esatto contrario di iniziative estemporanee e molto costose che nel recente passato hanno rappresentato un pesante fardello di carattere economico.

Oggi più che mai siamo convinti che occorra una svolta. L’Amministrazione Comunale farà la sua parte come sempre ha fatto, non certo da comprimaria ma da protagonista. L’Ente Giochi dovrà svolgere a pieno il proprio ruolo di fondamentale importanza e le singole Porte avranno il compito strategico di diventare sempre più collante ed attrattori di energie positive e propositive”.