Ecco la domenica del CAI: festa della Montagna e raduno regionale

Saranno circa 350 gli escursionisti, provenienti da ogni parte dell’Umbria e dalle regioni limitrofe, ospiti domenica 1 settembre della sezione CAI di Gualdo Tadino per il raduno regionale del Club Alpino Italiano.

Il raduno è ormai un appuntamento classico delle sezioni CAI umbre che da quest’anno sono 8, perché Orvieto, dopo un periodo vissuto all’ombra di Terni come sottosezione, ha acquisito i numeri necessari  per diventare una sezione autonoma.

A turno, ogni anno, una sezione organizza l’evento sul proprio territorio. Nel susseguirsi degli anni gli escursionisti che vi partecipano hanno così l’opportunità di conoscere nuovi territori montani, nuovi percorsi, nuove preziose oasi della terra dell’Umbria che ha nel proprio ambiente una delle eccellenze che maggiormente la qualificano. E’ inoltre un’opportunità per conoscere nuove persone, per condividere le proprie esperienze, per allacciare rapporti e condividere progetti futuri. 

La sezione di Gualdo Tadino, organizzatrice del raduno, l’ha fatto coincidere quest’anno con la Festa della Montagna, in programma ogni anno nella prima domenica di settembre. Sarà anche l’opportunità per apprezzare la nuova segnaletica dei sentieri realizzata dal CAI gualdese con il finanziamento del Gruppo regionale.

Il ritrovo è a Valsorda alle 9. Molto ricco il programma, come l’escursione che partirà da Valsorda (1000 m slm) per raggiungere la Balza di Mezzogiorno (1077 m), uno sperone roccioso che incombe sulla città di Gualdo Tadino. Si proseguirà poi in salita per il sentiero delle crocette fino all’eremo del Serrasanta (1348 m), un balcone panoramico che spazio su tutta la valle Umbra (dal Pennino a sud, al Monte Cucco a Nord). Poi via verso la cima del Monte Serrasanta (1423 m) da cui si potranno ammirare le vallate e le montagne sul versante marchigiano. Da qui si ridiscenderà verso la Valsorda attraverso il sentiero dei Quarti. Complessivamente un percorso di circa 11 Km per  circa 3 ore di camminata.

Per chi non se la sente di affrontare la montagna, è prevista un’alternativa in città con un trekking urbano di circa 2 ore, che unirà al movimento fisico anche un arricchimento culturale con la visita ai musei, alle mostre ed ai siti più caratteristici della città di Gualdo Tadino.
Verrà inoltre installata una palestra di arrampicata e quanti vorranno provare l’adrenalina di un’ascesa  arrampicandosi su una parete lo potranno fare in assoluta sicurezza. 

Dopo le escursioni ed il ristoro offerto dalla sezione CAI gualdese presso il Rifugio Chiesetta (su prenotazione), ci sarà un momento di socializzazione e di intrattenimento. Si esibiranno le corali CAI di Terni, Perugia e Gualdo Tadino con il saluto delle autorità, lo scambio di convenevoli tra le sezioni umbre. Annunciata anche la partecipazione della banda musicale di Gualdo Tadino come momento di chiusura finale di una giornata che si annuncia emozionante e rigenerante per il corpo e per l’anima.

Articolo precedenteSclerosi multipla, percorsi dedicati all’ospedale di Branca
Articolo successivo“Parole tra Le Rughe”, a Fossato presentazione dei libri di Matteo Bebi e Monica Pica
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.