400 escursionisti Cai a Gualdo Tadino. Un successo il raduno regionale

Sono arrivati in circa 400, provenienti da ogni parte dell’Umbria e dalle regioni limitrofe, gli escursionisti che domenica scorsa sono stati accolti della sezione CAI di Gualdo Tadino per il raduno regionale del Club Alpino Italiano.

Otto le sezioni umbre partecipanti, con la Valsorda, i vicoli e i musei gualdesi che sono stati visitati dagli appassionati della montagna umbri.

Una domenica splendida anche sotto il profilo meteorologico, che il Cai gualdese ha fatto coincidere con la Festa della Montagna, in programma ogni anno nella prima domenica di settembre. E’ stata quella l’occasione anche per apprezzare la nuova segnaletica dei sentieri realizzata dal CAI gualdese con il finanziamento del Gruppo regionale.

La giornata, che ha visto il patrocinio del Comune di Gualdo Tadino e della Comunanza Agraria Appennino Gualdese e il contributo di alcune aziende locali, proponeva due diverse tipologie di trekking: quello in montagna e quello urbano.

La prima escursione è partita da Valsorda per arrivare all’eremo di Serrasanta, passando per la Balza di Mezzogiorno, lo sperone roccioso che incombe sulla città di Gualdo Tadino. La camminata è poi proseguita verso la cima del Monte Serrasanta per quindi ridiscendere verso la Valsorda attraverso il sentiero dei Quarti.

Molto interessante anche il trekking urbano, con una camminata attraverso i vicoli e le vie più suggestive del centro storico gualdese, con una visita ai musei e alle mostre presenti in città.

Al termine delle escursioni, il ristoro offerto dalla sezione Cai gualdese presso il rifugio Chiesetta. Hanno portato i saluti il presidente del Cai di Gualdo Tadino, Mauro Tavone, la presidente regionale Fabiola Fiorucci e i volontari del Soccorso Alpino e Speleologico dell’Umbria, spesso intervenuti anche sulle montagne di questa zona per aiutare escursionisti in difficoltà.

Nel corso della giornata la presidente del Cai di Gubbio, Paola Mariotti, ha consegnato un riconoscimento alla signora Patrizia Scavizzi in memoria del marito Luigi Panata, medico socio del Cai prematuramente scomparso che si era reso protagonista di molte iniziative di solidarietà in Burkina Faso.

La giornata si è conclusa con l’esibizione della banda musicale di Gualdo Tadino e delle corali Cai di Gualdo Tadino, Perugia e Terni.

Articolo precedentePerugia-Ancona, ripresi i lavori tra Fossato di Vico e Cancelli
Articolo successivoCena in Bianco a Gualdo Tadino, buona la prima!
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.