Beatrice Parlanti nuova campionessa italiana di tiro con la balestra

Pubblicità

Beatrice Parlanti della Compagnia Balestrieri Waldum di Gualdo Tadino è la nuova campionessa italia di tiro con la balestra antica da banco, titolo conquistato nel pomeriggio di domenica 8 settembre alla XXXV edizione dei Campionati Italiani organizzati dalla Litab (Lega Italiana Tiro Alla Balestra) che si sono svolto nell’ultimo fine settimana a Montefalco.

Beatrice Parlanti, che succede a un’altra balestriera, Simona Stefani di Lucca vincitrice nel 2018, è la quarta campionessa italiana che annovera la Compagnia Waldum: il primo titolo venne conquistato nel 1990 da Massimo Meccoli, il secondo da Fabio Pascolini nel 1999 e il terzo nel 2009 da Jacopo Concetti. Due curiosità: tutte e quattro le vittorie dei balestrieri gualdesi sono state conquistate in Umbria: Meccoli a Gualdo Tadino, Pascolini ad Assisi, Concetti a Norcia e Parlanti a Montefalco e tutte, tranne quella tra Meccoli e Pascolini, sono arrivate a distanza di dieci anni l’una dall’altra.

Buono anche il piazzamento a squadre, con i balestrieri Waldum che sono arrivati a un soffio dal podio piazzandosi al quarto posto dietro alla vincitrice Lucca, seguita da Roccapiatta e da Volterra. Il sabato si è svolta la gara dei Maestri d’Arme e dei Campioni vinte da Mario Cadoni della compagnia di Iglesias e da Luca Benericeti della compagnia balestrieri Terra del Sole.

Montefalco ospitava per la prima volta questa prestigiosa competizione tra i circa duecento balestrieri delle Compagnie di Amelia, Assisi, Chioggia, Gualdo Tadino, Iglesias, San Paolino Lucca, Montefalco, Norcia, Pisa, Roccapiatta, Terra Del Sole, Ventimiglia e Volterra.

Soddisfazione quindi per questo titolo da parte della Compagnia Balestrieri Waldum, presieduta da Stefano Ragugini e con Luca Frappini Maestro d’Arme, che ora si concentra sulla gara interna alla Compagnia, prevista per sabato 28 settembre, che deciderà colui che avrà l’onore di avere in custodia il Palio dei Giochi de le Porte fino alla consegna nelle mani del Priore della Porta vincitrice.