Gammaitoni sul Pd: “Basta con la logica della vendetta”

Pubblicità

Prosegue il dibattito interno sulla sconfitta del centrosinistra alle elezioni regionali di domenica scorsa. Luca Gammaitoni, capolista del Partito Democratico che non è riuscito a entrare in Consiglio regionale ponendo al riguardo una serie di interrogativi e riflessioni, affida a una nota l’invito a una netta inversione di marcia.

Il centro sinistra, Pd in testa, è prigioniero della logica della vendetta – scrive Gammaitoni – È un sistema perverso che porta all’autodistruzione. Chi oggi chiede la testa del commissario Verini (chiaro il riferimento al sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, ma non solo, ndr) deve sapere che domani finirà vittima dello stesso meccanismo. Non sarebbe il caso di cambiare, per una volta?”

Luca Gammaitoni si è incontrato nella giornata di oggi con Leonardo Nafissi, candidato eugubino che ha sfiorato l’elezione all’interno della lista civica in appoggio al candidato del centrosinistra Vincenzo Bianconi.

Due candidature all’interno della Fascia Appenninica “in inevitabile competizione – prosegue Gammaitoni – che “hanno prodotto il pessimo risultato che ora un vasto territorio si trova senza rappresentanti del centro sinistra in Consiglio regionale. Insieme abbiamo concordato che è ora di cambiare atteggiamento”. 

“Basta con la logica della vendetta, costruiamo insieme un nuovo Pd in cui chi vince (o si illude di non aver perso) non rottama chi si è sforzato di costruire, chi ha tentato e fallito. Un nuovo Pd in cui nessuno viene espulso e tutti hanno la possibilità di essere ascoltati. 
Di questo ed altro parleremo lunedì prossimo alle 20 a Gualdo Tadino, presso il centro commerciale “Flaminia”. Tutte le persone che hanno a cuore un nuovo percorso sono caldamente invitate a partecipare”
, conclude Gammaitoni.