Intitolato a Carlo Biscontini il palchetto centrale del teatro Talia

Pubblicità

Il palchetto centrale del Teatro Talia è stato intitolato a Carlo Biscontini. La breve ma intensa cerimonia si è tenuta venerdì scorso prima dell’inizio dello spettacolo della Filodrammatica Gualdese, compagnia di cui è stato un pilastro per tantissimi anni.

Medico di professione, nato il 22 maggio 1943 e scomparso nel 2014, iniziò da piccolissimo a recitare con la Filodrammatica, spinto anche da suo padre Aldo, altro personaggio di grande spessore sia sotto il profilo professionale (per molto tempo è stato direttore della Banca Popolare di Gualdo Tadino) che artistico. Il teatro lo appassionò da subito, diventando parte integrante della sua vita e segnandone la carriera.

“Il teatro resiste come un divino anacronismo”, è la frase di Orson Welles incisa nella targa apposta dal Teatro Talia all’ingresso del palchetto, al cui interno sono apposte foto dell’attore e regista gualdese oltre ad alcuni dei numerosi premi ricevuti nel corso della sua luminosa carriera.

“Se a Gualdo ha resistito lo dobbiamo in gran parte al lavoro, alla passione e alla bravura di Carlo Biscontini – sottolinea Mario Fioriti, direttore del teatro – Intitolargli il palchetto centrale del Talia significa non aver fatto finta di non essersi accorti della sua opera. Grazie al Comune di Gualdo Tadino che ha voluto fin da subito compiere questo passo, grazie a tutti i magnifici familiari di Carlo e grazie alla “sua” Filodrammatica Dialettale Gualdese.”