Olimpiadi di Filosofia al via, si cimentano 43 studenti del Casimiri

Ritornano anche quest’anno le Olimpiadi di Filosofia, importante rassegna culturale promossa e organizzata dal MIUR in collaborazione con il ministero degli Affari esteri, la Società filosofica italiana, la Fédération internationale des sociétés de philosophie e l’Associazione di promozione sociale Philolympia.

Alla manifestazione, giunta quest’anno alla XXVIII edizione, possono partecipare gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che, dopo una prima selezione d’istituto, hanno la facoltà di accedere alla fase regionale e nazionale della rassegna.

43 studenti del “Casimiri” nella mattinata di martedì 10 dicembre sono stati invitati a cimentarsi nella redazione di un saggio filosofico in italiano o in inglese, sviluppando una traccia fra quattro proposte relative a diversi ambiti (gnoseologico-teoretico, politico, etico ed estetico).

Sarà un’apposita commissione, formata da docenti dell’istituto, ad individuare gli elaborati più meritevoli (due per la sezione in lingua italiana e due per quella in lingua straniera), che parteciperanno alla selezione regionale.

Si rinnova, dunque, l’appuntamento con una prestigiosa rassegna culturale che, negli ultimi anni, ha visto più volte sugli scudi studenti del “Casimiri”: la studentessa Melania El Khayat, diplomatasi lo scorso anno scolastico, è stata infatti ammessa per due anni consecutivi alla fase nazionale della manifestazione.

VISITA AL PRESEPE NAPOLETANO – Intanto, nel pomeriggio di mercoledì 11 dicembre, la classe 1’G dell’indirizzo tecnico Grafica e comunicazione, accompagnata dai docenti Adonella Biagioli e Federico Picchiarelli, ha visitato la mostra “Il presepe napoletano: storia, segreti e tradizione” allestita presso la Chiesa monumentale di San Francesco di Gualdo Tadino.

L’iniziativa, inserita nel progetto didattico relativo all’insegnamento di geografia economica e generale, ha consentito agli studenti di incontrare la tradizione culturale del presepe settecentesco napoletano, confrontandosi con l’opera di artisti, artigiani e modellatori dell’epoca.

Articolo precedenteIn arrivo bollette Umbra Acque scadute, si potranno pagare entro gennaio
Articolo successivoRoveto, lunedì gli attesi lavori di potenziamento alla rete elettrica
Marco Gubbini
Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria. Ex direttore artistico di Radio Tadino (1985-1986), ideatore e curatore di programmi televisivi giornalistici delle emittenti Rete7 (1985-1990) e TV23 (2003-2006). Esperienze varie come corrispondente di varie pubblicazioni, fra cui Calcio Perugia (2005), La Voce di Perugia (2006-2007). E' stato collaboratore dell’agenzia di stampa Infopress (2004-2012), ha scritto articoli per testate quali Il Giornale dell’Umbria, La Nazione, Il Corriere di Romagna, Il Sannio, Il Crotonese, Il Corriere di Forlì, La Nuova Ferrara. Iscritto all’Associazione Italiana Reporter e Fotografi dal 2009. Coideatore e curatore del sito gualdocalcio.it (1998-2012) e gualdocasacastalda.it (dal 2013 al 2016). Addetto stampa del Gualdo Calcio in serie C e altre categorie (dal 2004 al 2012) e del Gualdo Casacastalda in serie D (dal 2013 al 2016). Segretario dell’Ente Giochi de le Porte di Gualdo Tadino dal 2014 al 2017. Componente della redazione dei periodici Il Nuovo Serrasanta e Made in Gualdo. Autore del libro "Libera, ma Libera Veramente" (edizioni Eta Beta, 2021).