Morroni incontra i sindaci della Fascia: “Gioco di squadra per ridare sviluppo e futuro al territorio”

“Si deve tornare a parlare di crescita e futuro nella Fascia Appenninica dell’Umbria, che più di altre sta soffrendo per i contraccolpi della crisi economica e stenta a trovare prospettive di crescita: fare gioco di squadra, costruendo insieme una strategia d’area, è condizione fondamentale per invertire al più presto la rotta e impedire il declino del territorio”. È l’esortazione che il vicepresidente della Giunta regionale Roberto Morroni, assessore con delega ad Agricoltura, Ambiente e Rifiuti, ha rivolto a sindaci e assessori di sette Comuni del comprensorio con cui ha avviato una serie di incontri recandosi direttamente nei rispettivi municipi, il 2 e 3 gennaio, uno dei primi atti in agenda a poco più di un mese dall’insediamento dell’esecutivo regionale.  

Una prima occasione di ascolto e confronto, iniziato a Gualdo Tadino con il sindaco Massimiliano Presciutti, a Fossato di Vico con il sindaco Monia Ferracchiato, a Sigillo con il sindaco Giampiero Fugnanesi, e proseguito a Nocera Umbra con il sindaco Giovanni Bontempi, a Gubbio con il sindaco Filippo Mario Stirati, a Scheggia e Pascelupo con il sindaco Fabio Vergari e, infine a Costacciaro, con il sindaco Andrea Capponi. A Nocera Umbra presente, tra gli altri, l’onorevole Virginio Caparvi, consigliere comunale della città.

Sono venuto a testimoniare la forte attenzione e vicinanza della nuova Giunta regionale nei confronti di questo territorio – ha sottolineato il vicepresidente Morroni – e la volontà di garantire alle amministrazioni un adeguato supporto, cominciando con una ricognizione della situazione, dei progetti in atto o allo studio, delle istanze prioritarie. Allo stesso tempo – ha detto – vogliamo stimolare e irrobustire una collaborazione istituzionale, utile e feconda, attorno all’obiettivo comune di definire una strategia di rilancio dell’intero territorio, che faccia leva sui suoi tratti identitari, le sue grandi potenzialità, le vocazioni”.

È questa la vera sfida – ha proseguito – ed è impensabile che singolarmente si riesca a superarla: è necessario uno sforzo collettivo, che si agisca come un unico Comune, facendo massa critica e unendo progettualità e risorse, con una visione e un lavoro di squadra in grado di coinvolgere università, mondo della ricerca, dell’impresa e ogni altro portatore d’interesse così da far compiere a quest’area quel balzo in avanti che tutti auspichiamo”.

Da parte dei sindaci, nel corso dei vari incontri, è stato espresso “grande apprezzamento e gratitudine” per l’attenzione e la presenza in un territorio che si è sentito spesso non sufficientemente considerato, ed è stata manifestata la “piena disponibilità ad una collaborazione istituzionale proficua e costruttiva, a beneficio delle comunità locali e dell’Umbria”.

.

Diverse le tematiche affrontate, dalle quali sono emersi elementi di criticità, ma anche opportunità di crescita inserite in una strategia di area interna.

Un primo giro di incontri – ha commentato al termine il vicepresidente della Giunta regionale Roberto Morroni – che riveste un valore estremamente positivo e segna la partenza del ‘cantiere’ di un lavoro comune. Ci ha permesso di conoscere uno spaccato delle questioni principali che condizionano la vita amministrativa di queste realtà e soprattutto – ha concluso – di attivare un rapporto fecondo e condividere la volontà, attraverso il confronto e l’appoggio della Giunta regionale, di cooperare per dar vita a interventi che possano consentire, in un’ottica di medio periodo, il vero rilancio di questo territorio”.

Articolo precedenteOspedale di Branca: è marchigiano il primo nato del 2020
Articolo successivoAl Mazzatinti la Notte Nazionale del Liceo Classico, ospite Laura Chiatti
Marco Gubbini
Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria. Ex direttore artistico di Radio Tadino (1985-1986), ideatore e curatore di programmi televisivi giornalistici delle emittenti Rete7 (1985-1990) e TV23 (2003-2006). Esperienze varie come corrispondente di varie pubblicazioni, fra cui Calcio Perugia (2005), La Voce di Perugia (2006-2007). E' stato collaboratore dell’agenzia di stampa Infopress (2004-2012), ha scritto articoli per testate quali Il Giornale dell’Umbria, La Nazione, Il Corriere di Romagna, Il Sannio, Il Crotonese, Il Corriere di Forlì, La Nuova Ferrara. Iscritto all’Associazione Italiana Reporter e Fotografi dal 2009. Coideatore e curatore del sito gualdocalcio.it (1998-2012) e gualdocasacastalda.it (dal 2013 al 2016). Addetto stampa del Gualdo Calcio in serie C e altre categorie (dal 2004 al 2012) e del Gualdo Casacastalda in serie D (dal 2013 al 2016). Segretario dell’Ente Giochi de le Porte di Gualdo Tadino dal 2014 al 2017. Componente della redazione dei periodici Il Nuovo Serrasanta e Made in Gualdo. Autore del libro "Libera, ma Libera Veramente" (edizioni Eta Beta, 2021).