Jp Industries, annunciati 345 esuberi. Fim Cisl: “Inaccettabile”

Pubblicità

Il piano di ristrutturazione della Jp Industries è stato presentato e prevede ben 345 esuberi sui 595 dipendenti degli stabilimenti di Fabriano e Colle di Nocera Umbra. Una vera e propria mazzata per i lavoratori della ex Antonio Merloni che ha messo sul piede di guerra i sindacati.

Per il segretario generale Fim Cisl Marco Bentivogli il piano è inaccettabile. “Un piano che respingiamo al mittente – ha detto Bentivogli all’Ansa – Oggi dopo che a fine anno è stata fatta la richiesta di proroga di 60 giorni per la presentazione del piano di ristrutturazione nella procedura di concordato dell’ex Antonio Merloni ci troviamo davanti a un nulla di fatto, con un piano irricevibile e senza prospettive di un partner industriale credibile. È inaccettabile. Chiediamo al Governo e al ministro Patuanelli di intervenire, il tempo è scaduto e la situazione rischia di essere, ogni giorno che passa, sempre più irreversibile.”

Intanto per oggi pomeriggio è stata convocata un’assemblea dei lavoratori nella sala mensa dello stabilimento di Santa Maria a Fabriano