Coronavirus, controlli sui passeggeri in arrivo all’aeroporto di Perugia con voli internazionali

Pubblicità

Già da qualche giorno, così come previsto dal Ministero della Salute per fronteggiare l’emergenza coronavirus, sono stati avviati anche all’aeroporto di Perugia i controlli sui passeggeri in arrivo in Umbria con voli internazionali: lo comunica l’assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, sottolineando che “in Umbria, come in tutta Italia, non c’è circolazione del virus e che l’intervento in aeroporto ha uno scopo di prevenzione e a garanzia della salute dei cittadini”.

All’aeroporto San Francesco di Perugia nelle ore di arrivo dei voli internazionali è operativo un team di controllo di medici del 118 e dell’Usmaf, l’Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera del Ministero della Salute che si occupa del controllo sanitario su passeggeri e merci che transitano attraverso punti d’ingresso transfrontalieri

. Ai passeggeri vengono effettuati i controlli previsti dal Protocollo ministeriale, compresa la rilevazione della temperatura corporea attraverso un termometro a infrarossi. I soggetti con temperatura corporea superiore a 37,5 vengono sottoposti a ulteriori valutazioni prendendo informazioni su pregressi viaggi in zone a rischio o eventuali contatti con persone anche queste a rischio. Al momento tutti i controlli hanno dato esito negativo.

In Umbria è attivo il numero verde gratuito 800 63 63 63 a disposizione dei cittadini. “Il numero verde attivato tramite il Nus (Numero Unico Sanità) – ha riferito Coletto – sarà attivo 7 giorni su 7, dalle ore 8 alle ore 20, mentre nelle ore serali e di notte è previsto un rimando al numero verde gratuito 1500 attivato dal Ministero della Salute.”