“L’Hotel del Libero Scambio, una prova di vero teatro per Arte & Dintorni”

Pubblicità

Pubblichiamo un articolo a firma del professor Marco Jacoviello sullo spettacolo teatrale “L’Hotel del Libero Scambio” di Georges Feydeau portato in scena sabato 22 novembre al Teatro Don Bosco dalla Compagnia Arte & Dintorni.

Colta dalla penna di Feydeau (in coppia con Maurice Devallières) il 5 dicembre 1894 l’autore dà alle scene al Théâtre des Nouveautés di Parigi L’albergo del libero scambio. Ancora una volta, usanza consumata già dai tempi di Beaumarchais, si getta sulla scena il delirio teatrale che affonda nel destino delle coppie, stavolta borghesi par excellence, affannate a rappresentarsi, affermarsi, smentirsi e riappacificarsi in un tourbillon che vanta dichiarazioni erotiche solo a parole.

La commedia di Feydeau segue le leggi dell’opera comica italiana: personaggi di carattere, battute dirette, veloci, tempismo scenico di prim’ordine. La legge del teatro impone scene affollate e scene nude, assoli e concertati. Un sinfonismo di voci attratte dai vortici dell’intrigo e dell’assurdo intervallate da intriganti silenzi di complicità. Coup de théatre, si direbbe.

E così si deve dire, dopo l’andata in scena al teatro Don Bosco della commedia tra le più spassose e irriverenti del teatro francese ad opera della compagnia Arte & Dintorni la sera del 22 febbraio. Regia professionale di Marco Panfili che non ha sbagliato un colpo nel proporre tempi serrati e recitazioni spontanee di tutti gli attori. Una prova corale che ha trovato una sala gremita, plaudente, divertita e commossa. Sì, commossa. La compagnia è ormai maggiorenne, ad altre prove è chiamata, di vero teatro. Festa per tutti.

Marco Jacoviello