Decreto coronavirus, cinema Don Bosco aperto. Rinviato il cineforum

cinema don bosco
Pubblicità

Il cinema Don Bosco di Gualdo Tadino resterà aperto, nel rispetto di quanto indicato nel decreto DPCM 04/03/2020, ovvero garantendo al pubblico la distanza di almeno un metro durante la permanenza in sala.

“Con questa sperimentazione di una settimana valuteremo la partecipazione del pubblico, cioè se c’è la volontà di continuare a fare una vita sociale e culturale oppure la paura blocca qualsiasi iniziativa – riporta un comunicato dell’ANEC Umbria, sezione regionale degli esercenti cinema in accordo con gli associati – Consolidiamo la collaborazione con i distributori che hanno mostrato la loro disponibilità nel far uscire i film in periodo così difficile.”

“Infatti in un periodo così difficile per tutto il comparto del cinema e, in generale, per tutte la vita sociale del Paese, il fatto stesso di restare aperti ci è sembrata un’indicazione positiva verso una normalizzazione che tutti quanti auspicano, sia dal punto di vista strettamente sanitario, che dal punto di vista della gestione dell’emergenza e delle ricadute sulla vita quotidiana di tutti.”

Il cinema Don Bosco e le altre sale aderenti resteranno quindi aperte osservando le indicazioni per la salvaguardia della salute degli spettatori indicate dal decreto (art 1, comma b), mediante cartelli affissi fuori e dentro il cinema, segnalazioni a terra e indicazioni degli operatori alla cassa e il contingentamento dei posti facendo in modo che il pubblico sieda a distanza di sicurezza in base alle caratteristiche specifiche (es: uno spettatore ogni tre poltrone, file alternate, ecc).

“Infine ci auspichiamo che quanto prima la nostra scelta sia supportata in modo più puntuale dalle strutture nazionali che hanno la responsabilità di dare indicazioni uniformi per tutto il territorio e che le sale, come le nostre, che decidono di proseguire con l’attività senza nessuna garanzia di tutela economica e legale, vengano equiparate alle sale chiuse della così detta zona rossa nelle pratiche di rimborso e/o recupero dei mancati incassi”, conclude la nota ANEC.

CINEFORUM RINVIATO – Stanti le attuali disposizioni e non potendo garantire a tutti gli abbonati l’accesso alla sala secondo le normative in vigore fino al 3 aprile – fanno sapere gli organizzatori – i prossimi tre appuntamenti del Cineforum “Cine-Connessioni” sono da considerarsi sospesi e rinviati. Le nuove date verranno comunicate a breve.