Confcommercio ai sindaci umbri: “Stop alle tasse locali”

Differire almeno fino al 30 settembre 2020 il pagamento delle tasse locali: Tari, Imu, Cosap e Imposta sulla pubblicità. E’ la richiesta pressante che Confcommercio Umbria ha rivolto a tutti i Comuni per lo stato di gravissima sofferenza delle imprese causato dall’emergenza Covid-19.

La lettera, firmata dal presidente di Confcommercio Umbria Giorgio Mencaroni, pone l’accento sulla assoluta necessità che i Comuni umbri adottino il provvedimento di sospensione delle tasse locali, già assunto altrove, perché continuare a tassare imprenditori costretti a stare chiusi a causa del Covid-19 significa “un accanimento iniquo, i cui costi, in termini di perdita di tessuto economico, saremo chiamati a pagare tutti”.

La stessa richiesta è sostenuta dai presidenti dei vari Mandamenti territoriali di Confcommercio, che si sono attivati presso le amministrazioni comunali di riferimento.

“Tenuto conto dei sacrifici che tutti siamo chiamati a sostenere in questa fase emergenziale, in attesa di eventuali, ma non certi, provvedimenti del Governo che sospendano il pagamento delle tasse locali”, ha scritto il presidente Mencaroni nella sua nuova lettera ai Sindaci dell’Umbria, “Confcommercio chiede alle Amministrazioni umbre di provvedere in autonomia, attraverso propri atti di Giunta, differendo almeno fino al 30 settembre 2020 le scadenze dei pagamenti relativi a Tari, Imu, Cosap ed Imposta di Pubblicità.

“L’aggravarsi della situazione epidemiologica anche nella nostra regione e il conseguente tracollo delle attività economiche, chiamate ad un fermo senza precedenti, impongono azioni straordinarie per fronteggiare una crisi dalla portata eccezionale”, ha concluso Mencaroni

Articolo precedenteDai Giochi de le Porte una donazione per l’acquisto di duemila mascherine
Articolo successivoCoronavirus, due nuove vittime in Umbria. 334 i positivi.
Avatar photo
Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria. Ex direttore artistico di Radio Tadino (1985-1986), ideatore e curatore di programmi televisivi giornalistici delle emittenti Rete7 (1985-1990) e TV23 (2003-2006). Esperienze varie come corrispondente di varie pubblicazioni, fra cui Calcio Perugia (2005), La Voce di Perugia (2006-2007). E' stato collaboratore dell’agenzia di stampa Infopress (2004-2012), ha scritto articoli per testate quali Il Giornale dell’Umbria, La Nazione, Il Corriere di Romagna, Il Sannio, Il Crotonese, Il Corriere di Forlì, La Nuova Ferrara. Iscritto all’Associazione Italiana Reporter e Fotografi dal 2009. Coideatore e curatore del sito gualdocalcio.it (1998-2012) e gualdocasacastalda.it (dal 2013 al 2016). Addetto stampa del Gualdo Calcio in serie C e altre categorie (dal 2004 al 2012) e del Gualdo Casacastalda in serie D (dal 2013 al 2016). Segretario dell’Ente Giochi de le Porte di Gualdo Tadino dal 2014 al 2017. Componente della redazione dei periodici Il Nuovo Serrasanta e Made in Gualdo. Autore del libro "Libera, ma Libera Veramente" (edizioni Eta Beta, 2021).