Covid-19, rallenta la crescita di contagi. A Gubbio 4 nuovi casi. Posto di blocco dinanzi le Poste di Gualdo Tadino

Pubblicità

Cresce in modo minore rispetto ai giorni precedenti il numero dei contagi in Umbria (9,5%), un dato che può essere letto in chiave positiva, visto che è un trend che prosegue da alcuni giorni. Dai dati aggiornati alle ore 8 di mercoledì 25 marzo, 710 persone in Umbria risultano positive al virus Covid-19, i guariti sono 8, di cui 5 residenti nella provincia di Perugia, 3 in quella di Terni.

I deceduti sono 19, invariati rispetto al giorno precedente: 12 residenti nella provincia di Perugia e 7 in quella di Terni.    

Dei 710 pazienti positivi, 24 sono di fuori regione: nella provincia di Perugia i positivi sono 523 e 163 in quella di Terni: sono ricoverati in 167, 129 sono residenti nella provincia di Perugia e 28 in quella di Terni, 10 sono di fuori regione. I ricoveri nell’ospedale di Perugia sono 70, 40 in quello di Terni, 23 a Città di Castello, 25 a Pantalla, 1 a Spoleto.  

Dei 167 ricoverati, 44 sono in terapia intensiva, 21 nell’ospedale di Perugia, 15 in quello di Terni, 7 a Città di Castello, 1 a Pantalla.

Le persone in osservazione sono 2856: di questi, 2164 sono nella provincia di Perugia e 692 in quella di Terni. Sempre alla stessa data risultano 2254 soggetti usciti dall’isolamento, di cui 1675 nella provincia di Perugia e 579 in quella di Terni. Nel complesso entro le ore 8 del 25 marzo, sono stati eseguiti 4707 tamponi.

A Gubbio salgono a 27 i casi positivi, con 4 casi in più nella giornata di ieri: due si trovano a casa, due ricoverati a Città di Castello. Sono tre persone anziane e una di mezza età. Lo ha comunicato il sindaco Filippo Mario Stirati, che ha riferito di 22 denunce, di cui alcuni minorenni, per non aver ottemperato alle disposizioni in tema di contrasto al coronavirus.

A Gualdo Tadino sono stati fermati e sanzionati ieri due automobilisti che volevano andare a Valsorda per fare attività con lo slittino. Il sindaco Presciutti ha disposto per domani, davanti l’ufficio postale di Gualdo Tadino, un posto di blocco in quanto verrà effettuato il pagamento delle pensioni, ma solo dalla lettera A alla lettera C. E’ stato riattivato il Postamat di via Flaminia.