“L’Umbria regione di riferimento nella gestione dell’emergenza Covid”

Pubblicità

“L’Umbria è stata dichiarata regione benchmark italiana per la gestione dell’emergenza Covid, a fronte di un tasso di contagi simile a quello di regioni come il Friuli, nonostante le vicine Marche abbiano invece numeri negativi. La media decessi è stata del 4,5% a fronte della media italiana molto più alta, al 13,4. Abbiamo il 68% di guariti contro il 29 della media nazionale.” 

La presidente della Regione Umbria Donatella Tesei ha dato queste notizie intervenendo questa mattina in Assemblea legislativa. Sono anche intervenuti, sulla strategia dell’Umbria per il contrasto della pandemia e sulle misure per la Fase 2, anche l’assessore alla sanità, Luca Coletto e il portavoce delle opposizioni Fabio Paparelli.

I dati di questa mattina confermano il buon andamento dell’epidemia in Umbria, con 5 nuovi positivi (sono 1.362 dall’inizio dell’epidemia) a fronte di 1.356 tamponi, tra i più alti processati dall’inizio dell’emergenza.

Nessun nuovo decesso è stato registrato, mentre continuano ad aumentare i guariti: 812 (+26) a cui si affiancano i 134 clinicamente guariti (-5). Scendono ancora gli attualmente positivi (-21).

Dei 1.362 pazienti positivi attualmente sono ricoverati in 119 (+2); di questi 19 (-1) sono in terapia intensiva.

Le persone in isolamento domiciliare sono 1.243 (-40); sempre alla stessa data, risultano 13.414 (+394) persone uscite dall’isolamento.

Nel complesso, entro le ore 8 del 23 aprile, sono stati effettuati 29.011  tamponi (+ 1356).