Acque minerali, Morroni: “Giunta regionale parte attiva nella riforma della legge”

Pubblicità

Sui rilievi mossi dall’ Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato alla legge regionale del 2008 ‘Norme per la ricerca, la coltivazione e l’utilizzo delle acque minerali naturali, di sorgente e termali’ è intervenuto il vicepresidente della Regione Umbria, Roberto Morroni, anche nella sua veste di assessore alle politiche agricole e agroalimentari, alla tutela e valorizzazione ambientale.

“La Giunta regionale prende atto della segnalazione mossa dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito alla disciplina regionale per il rilascio, il rinnovo o la proroga di una concessione per la ricerca, la coltivazione e l’utilizzo delle acque minerali naturali, di sorgente e termali, ed in particolare agli articoli 10, 11, 17 e 18 della legge regionale Umbria n. 22/2008. La giunta – ha sottolineato Morroni – fa propri, condividendoli, i rilievi avanzati dall’Autorità con riferimento agli articoli sopra richiamati, rilievi ispirati dalla volontà di affermare i principi a tutela della concorrenza e delle esigenze di trasparenza e di efficienza di un settore economico basato sull’utilizzo di beni demaniali.”

“In tal modo, si afferma l’esigenza di una revisione della normativa in questione, che consenta di riallinearne i contenuti al rispetto dei dettami fondamentali e irrinunciabili dell’ordinamento comunitario e nazionale. La giunta regionale – ha concluso Morroni – si farà parte attiva nell’avviare e condurre in porto tale compito, nella consapevolezza del rilievo che tale materia riveste nel contesto delle opportunità di sviluppo e della gestione ottimale delle risorse della nostra regione.”