E’ dell’azienda gualdese Slope l’app che evita assembramenti negli hotel

id Scan by Slope
Pubblicità

L’ultima novità per la lotta al Covid-19 nel settore turismo proviene da un’azienda di Gualdo Tadino.

Slope, software house decisamente innovativa, oltre a sviluppare l’omonimo software gestionale per hotel, ha creato un’applicazione che permette di leggere documenti elettronici e passaporti in una frazione di secondo. Scopo dell’app è semplificare i check-in dell’ospite all’arrivo in struttura evitando gli assembramenti nella struttura.

L’applicazione iD Scan, così denominata, disponibile per dispositivi mobili iOS ed Android, trasforma un semplice smartphone in un lettore di documenti di identità. In combinazione con il software gestionale Slope, consente all’albergatore di velocizzare in maniera incredibile le procedure di check-in, catturando e scansionando i documenti degli ospiti in pochi secondi ed evitando errori di trascrizione manuale, facilitando così il lavoro dei receptionist.

L’applicazione per funzionare non ha bisogno dell’acquisto di dispositivi esterni da collegare alla postazione operativa (nessun ingombrante scanner, lettore di chip etc…), portando così un risparmio in termini di spazio e soprattutto economici agli albergatori già duramente colpiti dalla crisi causata dal Covid-19.

“L’applicazione – spiega Daniele Orrù, Software Architect di Slopeè stata sviluppata attraverso l’uso della tecnologia NFC, acronimo di near-field communication per la lettura di documenti di identità elettronici. NFC è una tecnologia per la comunicazione a corto raggio che, ad esempio, trova la sua applicazione più comune nell’ambito dei pagamenti elettronici.”

Questo approccio – continua l’ingegner Orrù – è rivoluzionario perché rimpiazza la tecnologia OCR che si basa sul riconoscimento del testo nell’immagine. I principali vantaggi che si hanno leggendo il documento tramite NFC sono principalmente la maggiore velocità di lettura dei dati e l’impossibilità di leggere dati errati”.

Abbiamo chiesto all’ingegner Orrù com’è nata l’idea di costruire un’applicazione per la lettura dei documenti di identità, la risposta è curiosa. Ci confida infatti che l’idea nasce proprio durante un periodo in cui si è trovato a casa poiché colpito da una comune influenza. Nemmeno l’influenza riesce a tenere Daniele lontano dal computer e proprio in questo periodo si è divertito a sperimentare la scrittura di alcuni algoritmi per velocizzare la lettura di documenti di identità elettronici.

L’idea nasce quindi come un esperimento, un prototipo, che una volta presentato al resto del team di ingegneri di Slope ha subito suscitato un grande interesse.

Successivamente il crescere della pandemia ha portato l’azienda ad investire ulteriormente per completare lo sviluppo e la messa sul mercato prima della riapertura.

Articolo precedenteUn solo caso positivo in Umbria, diminuiscono i ricoverati
Articolo successivoNessun nuovo contagio in Umbria, crescono i clinicamente guariti
Ex direttore artistico di Radio Tadino (1985-1986), ideatore e curatore di programmi televisivi giornalistici delle emittenti Rete7 (1985-1990) e TV23 (2003-2006). Esperienze varie come corrispondente di varie pubblicazioni, fra cui Calcio Perugia (2005), La Voce di Perugia (2006-2007). E' stato collaboratore dell’agenzia di stampa Infopress (2004-2012), ha scritto articoli per testate quali Il Giornale dell’Umbria, La Nazione, Il Corriere di Romagna, Il Sannio, Il Crotonese, Il Corriere di Forlì, La Nuova Ferrara. Iscritto all’Associazione Italiana Reporter e Fotografi dal 2009. Coideatore e curatore del sito gualdocalcio.it (1998-2012) e gualdocasacastalda.it (dal 2013 al 2016). Addetto stampa del Gualdo Calcio in serie C e altre categorie (dal 2004 al 2012) e del Gualdo Casacastalda in serie D (dal 2013 al 2016). Segretario dell’Ente Giochi de le Porte di Gualdo Tadino dal 2014 al 2017. Componente della redazione dei periodici Il Nuovo Serrasanta e Made in Gualdo.