IMU 2020, ecco le scadenze della rata di acconto e di quella a saldo

Con l’approvazione della Legge 160 del 2019, lo scorso 1° gennaio è entrata in vigore la nuova Imposta Municipale propria (IMU). Le aliquote stabilite dal consiglio comunale di Gualdo Tadino derivano dall’accorpamento delle aliquote IMU e TASI 2019, in quanto la TASI dal 2020 non è più dovuta.

Per l’anno 2020 sono previste due rate: la prima in acconto con scadenza 16 giugno 2020 e la seconda a saldo in scadenza il 16 dicembre 2020. In sede di prima applicazione dell’imposta la prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l’anno 2019.

Il versamento della rata a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno è eseguito, a conguaglio, sulla base delle aliquote 2020. Resta in ogni caso nelle facoltà del contribuente provvedere al versamento dell’imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno 2020.

Chi non versa l’imposta entro le scadenze previste potrà regolarizzare la propria posizione avvalendosi del “Ravvedimento operoso”.

In considerazione degli effetti connessi all’emergenza sanitaria da COVID-19 la prima rata non è dovuta per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 (alberghi, pensioni, ecc) e per gli agriturismi, i villaggi turistici, gli ostelli della gioventù, i rifugi di montagna, le colonie marine e montane, gli affittacamere per brevi soggiorni, le case e appartamenti per vacanze, i Bed & Breakfast, i residence e i campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Nel sito istituzionale www.tadino.it è a disposizione dei contribuenti l’applicativo per il calcolo dell’IMU 2020 e la stampa del modello F24 per il pagamento.

Articolo precedentePlasma iperimmune: il Sit dell’ospedale di Branca partecipa al progetto Tsunami
Articolo successivoMulte pesantissime per chi getta guanti e mascherine in strada
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.