Gualdo Tadino, la cultura non si ferma

Pubblicità

Ennesima prova d’energia e lungimiranza del Polo Museale di Gualdo Tadino con l’annuncio, pochi giorni addietro, dell’apertura delle candidature per la possibilità di nuovi spazi espositivi e mostre.

Il comparto museale e culturale, proprio a causa della sua spiccata indole “fisica”, per la quale il visitatore è naturalmente portato ad avvicinarsi alle manifestazioni artistiche, è uno di quelli che ha sofferto maggiormente – e continua a soffrire – in tutta la Nazione, proprio a seguito della pandemia.

Gualdo Tadino, con il suo Polo Museale diretto da Catia Monacelli, si conferma quindi non solo, e sempre di più, culla della cultura, ma si fa pioniere di una nuova spinta creativa e si muove per rilanciare il futuro del comparto. Il Polo Museale infatti, invita gli artisti a presentare la propria candidatura per entrare a far parte dei nuovi progetti per i quali si sta lavorando.

Dalla pagina ufficiale Facebook si è quindi lanciata questa nuova iniziativa, specchio d’uno spirito cittadino fortemente legato all’arte e alla cultura. Gli spazi espositivi a disposizione sono quelli del Centro Culturale Casa Cajani, che con il suo prestigioso spazio galleria è parte integrante del ricco percorso museale cittadino ed ospita inoltre il Museo della ceramica ed il Museo Archeologico Antichi umbri (mesi disponibili: luglio, agosto, ottobre, novembre, dicembre). Poi il Museo Civico Rocca Flea, considerato il capolavoro di Federico II nel Centro Italia, che ha una ricca pinacoteca, una sezione archeologica e una ceramica, simbolo della città, ed è luogo privilegiato di dialogo tra l’arte antica e contemporanea (mesi disponibili: agosto, settembre, ottobre, novembre, dicembre).”

Questi, i meravigliosi spazi presentati e resi disponibili dalla direzione del Polo Museale, che continua invitando, chi fosse interessato, a contattare la segreteria organizzativa e ad inviare i propri rifermenti. I numeri sono 075.9142445 e 347.7541791, la mail: info@emigrazione.it.

© GUALDO NEWS – MATTEO BEBI