Raponi (Lega): “Gualdo Tadino sotto scacco dei delinquenti. Il sindaco tace”

sicurezza
Pubblicità

La consigliera comunale della Lega, Alessia Raponi, dopo aver ringraziato i carabinieri per l’operazione antidroga messa a segno, attacca l’amministrazione comunale gualdese.

“Questi fatti – dice – non sono più tollerabili per una piccola città come la nostra”.

E aggiunge che da diversi anni chiede al sindaco Presciutti – definendolo “solo teorico difensore della sicurezza” – maggiore controllo del territorio e di adoperarsi, “se ne è capace”, puntualizza, affinché il Prefetto assegni più carabinieri a Gualdo Tadino. “Avevo suggerito all’Amministrazione comunale – spiega Raponi – di farsi promotrice di una raccolta di firme fra i cittadini per supportare tale richiesta al Prefetto. Avevo suggerito anche di avvalersi dell’aiuto di associazioni private, come i carabinieri in congedo, di aumentare il numero di addetti della polizia municipale, che invece è diminuito, di potenziare la video sorveglianza in alcuni punti critici del centro storico e del borgo”. Nella mozione sulla sicurezza presentata dalla Lega lo scorso agosto si proponeva anche di istituire un servizio di osservatori volontari per la sicurezza, come previsto dal decreto del Ministro dell’Interno dell’8 agosto 2009. E quale è stata la risposta del sindaco Presciutti? Si chiede retoricamente l’esponente leghista.

Il nulla. Non ha accolto neanche una delle proposte indicate, che continuo a ritenere fattibili, di buon senso e, praticamente, a costo zero”.

Secondo Raponi è passata già da tempo l’ora di intervenire per porre fine a questi episodi assillanti di malavita e criminalità. “I cittadini gualdesi meritano altro. Non hanno bisogno di delinquenza, ma di lavoro, servizi e sicurezza – aggiunge – Purtroppo temo che la risposta del primo cittadino potrebbe essere quella di realizzare l’ennesimo video nel quale annuncerà le misure draconiane che vorrà prendere per contrastare tutti quei delinquenti che, finora, scorrazzano indisturbati per il nostro territorio. Spero di essere cattiva profeta – conclude – ma, intanto, per sicurezza, ho già preparato poltrona, bibita e popcorn”.